Atletica, i record del mondo: l’8’44″32 di Beatrice Chepkoech nei 3000 siepi

Nata a Bornet, Kenya, il 6 luglio 1991, Beatrice Chepkoech è il fenomeno dell’ultima generazione delle siepiste keniane. La sua carriera è iniziata su strada ma, da quando si è dedicata alla pista, ha ottenuto grandi soddisfazioni soprattutto nella sua gara preferita, i 3000 siepi, di cui è campionessa del mondo in carica e detentrice del primato mondiale, ottenuto a Montecarlo il 20 luglio 2018.

Un crono che probabilmente sembrava inavvicinabile e che invece diventa realtà durante il meeting Herculis: Beatrice Chepkoech ha realizzato un autentico capolavoro per disintegrare il record mondiale di Ruth Jebet con una gara condotta a grandissimo ritmo, non solo nella parte iniziale (2’55” per la pacer Caroline Tuigong) ma anche più avanti (5’49” ai 2000 metri) ed ha chiuso in un eccezionale 8’44″32.

La keniana era già andata sotto i nove minuti, quarta della storia a riuscirci, l’anno prima, con 8’59″84 a Zurigo e tre settimane prima a Parigi in 8’59″36, per le prime avvisaglie di ciò che sarebbe accaduto a Montecarlo. Beatrice Chepkoech era famosa allora anche per i quarti posti: alle Olimpiadi di Rio e poi quello rocambolesco ai Mondiali di Londra, con un errore di percorso e la retromarcia verso la riviera. Si rifarà ai Mondiali di Doha nell’ottobre 2019 dove conquisterà l’oro iridato. L’argento iridato Courtney Frerichs in 9’00″85 nella stessa gara ha battuto il record americano della connazionale Coburn, quarta in 9’05″06, preceduta dalla keniana Hyvin Kiyeng (9’04″41).

CLICCA QUI PER LEGGERE TUTTE LE NOTIZIE DI ATLETICA

Clicca qui per seguire OA Sport su Instagram
Clicca qui per mettere “Mi piace” alla nostra pagina Facebook
Clicca qui per iscriverti al nostro gruppo
Clicca qui per seguirci su Twitter

Foto LaPresse

LA NOSTRA STORIA

OA Sport nacque l'11 novembre del 2011 come blog chiamato Olimpiazzurra, per poi diventare un sito web dal 23 giugno 2012. L'attuale denominazione è in uso dal 2015. Nell'arco degli anni la nostra filosofia non è mai mutata: tutti gli sport hanno la stessa dignità. Sul nostro portale le Olimpiadi non durano solo 15 giorni, ma 4 anni. OA Sport ha vinto il premio come miglior sito di Sport all'Overtime Festival di Macerata nel 2016, 2017, 2018, 2019 e 2020.


Subscribe
Notificami
0 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments

Calcio, Jurgen Klopp: “Sono felice di tornare, è incredibile quanto mi sia mancato questo sport”

Calcio, il Barcellona vorrebbe riaprire parzialmente il Camp Nou ai tifosi