F1, arriva il salary cap? Tetto di stipendio massimo per i piloti: il nuovo scenario per tagliare i costi

La F1 è attesa da una rivoluzione nei prossimi anni, non soltanto il nuovo regolamento che entrerà in vigore nel 2022 ma anche il budget cap ovvero un tetto di spesa massimo imposto alle varie scuderie: 145 milioni di euro nel 2021, poi 130 milioni per gli anni successivi. Questo taglio cambierà moltissime dinamiche all’interno del Circus e tutti i team dovranno fare i conti con la propria forza lavoro, tanto che la Ferrari sta già pensando all’ingresso in nuove categorie automobilistiche per non dover licenziare parte del proprio personale.

E se il taglio dei costi non riguardasse soltanto lo sviluppo delle vetture ma anche lo stipendio dei piloti? A parlarne è it.motorsport.com che si sofferma sulla possibile introduzione del salary cap, un tema che verrà trattato da FIA e Liberty Media. Gli ingaggi dei piloti attualmente non sono coinvolti nel limite del budget come le spese di marketing e gli stipendi dei tre manager più pagati. Il timore delle squadre di vertice è che il limite imposto dal budget cap sul fronte tecnico possa causare un’impennata degli stipendi dei driver di riferimento ed ecco che si sta palesando l’ipotesi di fissare la cifra massima che ogni squadra potrà spendere per gli stipendi.

Attualmente Lewis Hamilton percepisce circa 45 milioni di euro da Mercedes, Sebastian Vettel si ferma attorno ai 32 milioni da Ferrari, Daniel Ricciardo e Max Verstappen viaggiano attorno ai 20 rispettivamente con Renault e Red Bul, Charles Leclerc è a quota 12 con la Rossa. Cambierà qualcosa per loro nell’immediato futuro? Sembra di no per i prossimi due anni ma poi la musica potrebbe essere diversa e l’introduzione di questa misura potrebbe rivoluzionare ulteriormente la Formula Uno.

 

CLICCA QUI PER TUTTE LE NOTIZIE DI F1

stefano.villa@oasport.it

Clicca qui per seguire OA Sport su Instagram
Clicca qui per mettere “Mi piace” alla nostra pagina Facebook
Clicca qui per iscriverti al nostro gruppo
Clicca qui per seguirci su Twitter

Foto: Lapresse

LA NOSTRA STORIA

OA Sport nacque l'11 novembre del 2011 come blog chiamato Olimpiazzurra, per poi diventare un sito web dal 23 giugno 2012. L'attuale denominazione è in uso dal 2015. Nell'arco degli anni la nostra filosofia non è mai mutata: tutti gli sport hanno la stessa dignità. Sul nostro portale le Olimpiadi non durano solo 15 giorni, ma 4 anni. OA Sport ha vinto il premio come miglior sito di Sport all'Overtime Festival di Macerata nel 2016, 2017, 2018, 2019 e 2020.


Subscribe
Notificami
0 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments

NASCAR, analisi 400 Miglia di Darlington. Kevin Harvick torna a vincere in una gara pazzesca!

Hockey prato: riprogrammati gli Europei del 2021. L’Italia al femminile sarà in Pool A