L’Italia è grande: Niccolò Campriani, l’imbattibile della carabina a cavallo tra due Olimpiadi

Niccolò Campriani ha scritto pagine storiche del tiro a segno italiano alle Olimpiadi: in due edizioni dei Giochi ha vinto quattro medaglie, tre ori ed un bronzo, nelle specialità della carabina. A Londra 2012 ha vinto l’argento da 10 metri e l’oro nella tre posizioni da 50 metri, mentre a Rio 2016 ha centrato la doppietta, trionfando in entrambe le gare.

Nel 2012 la prima gara in cui Campriani va a medaglia è quella della carabina 10 metri ad aria compressa: dopo le qualifiche l’azzurro è in testa con 599/600 in coabitazione con il romeno Alin Moldoveanu, ma la classifica ovviamente è molto corta, con gli otto che hanno avuto accesso ai dieci colpi di finale racchiusi in tre punti. La finale è molto tirata, ed a lungo i due che avevano chiuso in testa le qualifiche duellano per l’oro: il penultimo colpo condanna l’azzurro, che fa 9.4 e deve accontentarsi dell’argento, difeso per quattro decimi di punto sull’indiano Gagan Narang. L’oro va a Moldoveanu con 702.1, con sei decimi su Campriani.

Dopo pochi giorni è il momento della carabina tre posizioni da 50 metri, e Campriani domina la gara fin dalle qualificazioni, centrando il record olimpico con 1180/1200, costruendo un ampio margine su tutti gli avversari, con il più vicino, lo statunitense Matthew Emmons, distante ben otto punti. I dieci colpi di finale sono una mera formalità per Campriani, che amministra il largo vantaggio e chiude con il record olimpico a quota 1278.5, con 6.0 punti di margine sul sudcoreano Kim Jong-Hyun, e 7.2 su Emmons.

Nel 2016 Campriani invece centra una magnifica doppietta: cambia il sistema dei punteggi, nella carabina 10 metri i decimali contano sin dalle qualifiche, e Campriani le vince con 630.2. I punteggi si azzerano però in finale, dove dopo i primi sei colpi c’è il via alle eliminazioni ogni due colpi. Si profila una lunga lotta a tre tra l’azzurro, l’ucraino Serhiy Kulish ed il russo Vladimir Maslennikov. Il russo esce in terza posizione, lasciando gli avversari a giocarsi l’oro negli ultimi due colpi, con l’azzurro davanti di quattro decimi. Campriani è praticamente perfetto negli ultimi due colpi, fa 21.3 e si mette al collo l’oro con 206.1.

Per centrare la doppietta Campriani deve però confermare il titolo nella carabina tre posizioni da 50 metri: l’azzurro strappa la qualifica alla finale con l’ultimo punteggio utile, ed in questo caso Campriani è avvantaggiato dall’azzeramento dei punteggi in finale. Anche in questa specialità c’è il cambio di format e dopo i primi 40 colpi avvengono due eliminazione, poi una ad ogni colpo: la lotta a due tra Campriani ed il russo Sergey Kamenskiy si protrae fino all’ultimo tiro. Il russo è in vantaggio di sei decimi, Campriani fa 9.2, ma tanto basta, perché l’avversario fa 8.3 e l’azzurro vince con 458.8, ovviamente record olimpico dopo il cambio di regole, contro 458.5 di Kamenskiy.

roberto.santangelo@oasport.it

Clicca qui per seguire OA Sport su Instagram
Clicca qui per mettere “Mi piace” alla nostra pagina Facebook
Clicca qui per iscriverti al nostro gruppo
Clicca qui per seguirci su Twitter

Foto: LaPresse

LA NOSTRA STORIA

OA Sport nacque l'11 novembre del 2011 come blog chiamato Olimpiazzurra, per poi diventare un sito web dal 23 giugno 2012. L'attuale denominazione è in uso dal 2015. Nell'arco degli anni la nostra filosofia non è mai mutata: tutti gli sport hanno la stessa dignità. Sul nostro portale le Olimpiadi non durano solo 15 giorni, ma 4 anni. OA Sport ha vinto il premio come miglior sito di Sport all'Overtime Festival di Macerata nel 2016, 2017, 2018, 2019 e 2020.

TAG:
Italia è grande Londra 2012 Niccolò Campriani Rio 2016

ultimo aggiornamento: 22-03-2020


Subscribe
Notificami
0 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments

Scherma, Elisa Di Francisca sulle Olimpiadi di Tokyo 2020: “Spero che i Giochi si disputino entro quest’anno”

Sci alpino, Sofia Goggia: “Il mio braccio è guarito e sto bene. Non voglio pormi obiettivi per la prossima stagione”