Calcio, i calciatori del Barcellona si tagliano lo stipendio per coprire i mancati compensi di chi lavora nel club

Lo comunica direttamente Leo Messi sui suoi canali social: i giocatori del Barcellona, per coprire i mancati compensi di coloro che lavorano nel club, hanno deciso di rinunciare al 70% del loro stipendio. Queste, nello specifico, le parole del fuoriclasse del sodalizio catalano, il quale ha anche cercato di gettare acqua sul fuoco delle polemiche degli scorsi giorni: “Vogliamo sottolineare che la volontà di rinunciare a una grossa parte del nostro compenso c’è sempre stata, poiché siamo consci che stiamo affrontando una situazione del tutto particolare“.

Messi, in seguito, ha aggiunto: “Siamo sempre stati i primi ad andare in aiuto al club quando ce n’era bisogno. Spesso di nostra spontanea volontà. Ci sorprende che qualcuno interno al Barça abbia voluto metterci pressione. Abbiamo atteso qualche giorno solo per capire qual era la formula migliore da attuare“.

Clicca qui per seguire OA Sport su Instagram
Clicca qui per mettere “Mi piace” alla nostra pagina Facebook
Clicca qui per iscriverti al nostro gruppo
Clicca qui per seguirci su Twitter

Foto: Lapresse

Leggi tutte le notizie di oggi su OA Sport

LA NOSTRA STORIA

OA Sport nacque l'11 novembre del 2011 come blog chiamato Olimpiazzurra, per poi diventare un sito web dal 23 giugno 2012. L'attuale denominazione è in uso dal 2015. Nell'arco degli anni la nostra filosofia non è mai mutata: tutti gli sport hanno la stessa dignità. Sul nostro portale le Olimpiadi non durano solo 15 giorni, ma 4 anni. OA Sport ha vinto il premio come miglior sito di Sport all'Overtime Festival di Macerata nel 2016, 2017, 2018, 2019 e 2020.

TAG:
Barcellona Coronavirus

ultimo aggiornamento: 30-03-2020


Subscribe
Notificami
0 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments

Judo, i giovani emergenti dell’Italia che potrebbero tentare la qualificazione in extremis per le Olimpiadi 2021

Marcello Violi, rugby: “La mia giornata in quarantena. Zebre, non è tutto negativo. L’Italia si sta adattando a Smith”