Pallanuoto femminle, Olimpiadi Rio 2016: il tabellone e il cammino del Setterosa verso il podio

Setterosa-World-League.jpg

La nazionale italiana di pallanuoto femminile, che dal 9 agosto sarà impegnata nel torneo Olimpico di Rio 2016, è tra le papabili per conquistare una medaglia. Quale potrebbe essere il cammino del Setterosa verso la semifinale e quindi verso la zona podio? 

La squadra italiana sarà inserita nel gruppo A con Australia, Russia e Brasile. La formazione padrona di casa, sulla carta, è la più debole dell’intero torneo e dovrebbe chiudere il girone all’ultimo posto. Le altre tre formazioni sono tutte di alto livello, con Australia e Italia che dovrebbero qualcosa in più rispetto alla Russia, che negli ultimi anni ha faticato a tenere uno standard di rendimento alto. In linea teorica, dunque, sarebbero il Setterosa e la nazionale australiana si dovrebbero giocare il primo posto in classifica: il livello delle due squadre è simile, come dimostrato dalla partita che un anno fa valse la medaglia di bronzo alle azzurre nei Mondiali di Kazan che si risolse solamente ai rigori.

In caso di primo posto, l’Italia affronterebbe ai quarti di finale l’ultima del girone B: in teoria, questa squadra dovrebbe essere la Cina. A seguire la vincente tra la terza del proprio girone (Russia) e la seconda nell’altro raggruppamento: ipotizzando che gli Stati Uniti finiscano al primo posto, l’Italia potrebbe trovare sul proprio cammino Spagna o Ungheria in semifinale.

In caso di secondo posto, l’Italia si troverebbe ad affrontare la terza dell’altro girone già ai quarti. Spagna o Ungheria a questo punto del torneo sarebbero rivali molto insidiose e in entrambi i casi dal livello molto simile a quello del Setterosa in una partita da dentro e fuori pericolosissima. In un’eventuale semifinale successiva, la vincente di questo scontro si troverebbe a sfidare, salvo sorprese, gli Stati Uniti, squadra favoritissima per la conquista della medaglia d’oro.

In caso di terzo posto, l’Italia troverebbe ai quarti la seconda classificata del girone B (quindi sempre una tra Spagna e Ungheria, in una sfida di cui abbiamo già sottolineato le difficoltà) e poi in un’eventuale finale la vincente del proprio girone (più Australia che Russia).

In caso di quarto posto, situazione che difficilmente si verificherà, l’Italia troverebbe sin da subito gli Stati Uniti nella fase a gironi e in caso di vittoria poi dovrebbero sfidare un’altra squadra dall’altissimo potenziale per accedere alla finale (la seconda del girone A, quindi Russia o Australia, o la terza del girone B, Spagna o Ungheria). Situazione da evitare a tutti i costi, con gli USA da affrontare, possibilmente, solo nella finale per l’oro.

Da queste proiezioni, per le azzurre sarebbe importantissimo passare come migliore del proprio girone per avere un accoppiamento favorevole nel primo match ad eliminazione diretta e poi giocarsi l’accesso alla finale per l’oro in una partita secca contro Ungheria o Spagna, le formazioni che sembrano essere la chiave del tabellone azzurro a prescindere dalla posizione occupata dalle azzurre alla fine della fase a gironi.

Clicca qui per mettere “Mi piace” alla nostra pagina Facebook
Clicca qui per iscriverti al nostro gruppo
Clicca qui per seguirci su Twitter

gianluca.santo@oasport.it

Twitter: Santo_Gianluca

Tag

Lascia un commento

Top