Canoa velocità, Olimpiadi Rio 2016: Manfredi Rizza, l’ingegnere della Canottieri Ticino tra i grandi del K1 200

Manfredi-Rizza-canoa-foto-sua-fb.jpg

La svolta è arrivata nel 2013 quando si prese l’argento sia ai Giochi del Mediterraneo che alle Universiadi. Lì è cambiato qualcosa nella testa di Manfredi Rizza che ha capito di poter avere le qualità per arrivare in alto. Una crescita progressiva che l’ha portato a prender parte, a partire dal 2014, al progetto K2 200 insieme a Matteo Florio. Binomio ambizioso che nonostante gli ottimi risultati ottenuti tra Coppa del mondo (un podio a Milano) e una finale agli Europei chiusa al settimo posto non era riuscito a qualificare la barca nella rassegna iridata all’Idroscalo.

Un pugno di centesimi fatali che non hanno scoraggiato il pavese. Vinte nettamente le selezioni interne di inizio stagione, Rizza si è poi ripetuto staccando il pass olimpico nel K1 200 metri a Duisburg. Sempre in Germania ha poi regalato all’Italia uno storico successo in Coppa del mondo, confermandosi tra i big con il quarto posto ottenuto nella tappa di World Cup di Racice.

Laureato in ingegneria meccanica, il 25enne velocista ha deciso di non vestire i colori delle forze armate per continuare a rappresentare la Canottieri Ticino insieme al suo allenatore Stefano Loddo. Oggi il meritato premio per questa società fiore all’occhiello dello sport italiano, pronta a giocarsi col suo alfiere un posto sul podio a cinque cerchi. Appuntamento domani alle ore 14:07.

francesco.drago@oasport.it

Clicca qui per mettere “Mi piace” alla nostra pagina Facebook
Clicca qui per iscriverti al nostro gruppo
Clicca qui per seguirci su Twitter

 

WEB TV

Lascia un commento

scroll to top