Basket, Olimpiadi Rio 2016: un bronzo dai due volti, la perfetta chiusura del ciclo spagnolo e la prima volta australiana

basket-pau-gasol-spagna-Credit-Photo-Fiba-Basketball-Twitter-e1501607711273.jpg

La finale per il bronzo nel torneo di basket a Rio 2016 metterà di fronte Spagna ed Australia. Da una parte una squadra che vuole salire sul podio per la terza volta consecutiva e dall’altra una che non ha mai conquistato una medaglia alle Olimpiadi.

Una Spagna che è arrivata probabilmente all’ultima partita di un ciclo semplicemente straordinario. Stasera molti senatori potrebbero mettere la parola fine sulla loro carriera con la maglia della Roja: Pau Gasol, Juan Carlos Navarro, Felipe Reyey, Jose Calderon hanno fatto la storia delle nazionale iberica, portandola sul tetto d’Europa e vicinissima alla conquista di Mondiale e Olimpiade.
L’eventuale medaglia di bronzo sarebbe probabilmente la chiusura perfetta anche per quanto riguarda Sergio Scariolo: l’allenatore italiano potrebbe abbandonare la panchina spagnola, cercando nuovi stimoli magari in qualche top club europeo o addirittura in NBA nel ruolo di assistente allenatore, come ha fatto Ettore Messina in questi anni.

L’Australia sembra essersi inceppata proprio nel momento decisivo. I Boomers potrebbero aver pagato l’emozione di trovarsi a giocare una semifinale quasi da favoriti contro la Serbia. Mills e compagni dopo una prima fase straordinaria e un ottimo quarto di finale con la Lituania sono stati irriconoscibili contro la squadra di Djordjevic, perdendo davvero malamente. Nella finalina per il bronzo di questo pomeriggio gli Aussie non sono favoriti e forse giocare con meno pressione potrebbe aiutarli a ritrovare l’entusiasmo e la spensieratezza delle precedenti partite.

La storia non sorride, però, all’Australia, sconfitta in tutti e sei i precedenti finora con la Spagna. Boomers quindi alla caccia di una doppia prima volta, ma Gasol e compagni vogliono chiudere in bellezza

Tag

Lascia un commento

Top