Storia delle Olimpiadi: Riccardi, Ragno, Cornaggia-Medici. L’irresistibile spada azzurra a Berlino ‘36

Riccardi-Ragno-Mangiarotti.jpg

Ai Giochi Olimpici di Berlino 1936 vide la luce l’innovazione meccanica, regolamentare e tecnica che cambierà per sempre i destini della scherma: il segnalatore elettrico per le stoccate. In Germania, fu l’arma della spada a fare da “cavia” e l’aiuto ai giudici si rivelò subito preziosissimo; l’apparecchio era in grado di registrare una differenza di 1/25 di secondo nella precedenza dei colpi. Non male, vista l’assenza della “convenzione”.

Novità tecnologica o no, l’Italia incantò (anche) in occasione del torneo berlinese di scherma. Quattro ori su sette in palio, nove medaglie totali, una doppietta e una tripletta…quella realizzata da Franco Riccardi, Saverio Ragno e Giancarlo Cornaggia-Medici nella spada individuale. Ovviamente, si tinse d’azzurro anche la gara a squadre dell’arma più pesante, nella quale si mise in mostra un talentuoso diciassettenne chiamato Edoardo Mangiarotti. Ma quella è un’altra storia. E che storia…

Il milanese Franco Riccardi si mise in evidenza fin dall’età di 16 anni, in seno alla Società del Giardino di Milano. Alle Olimpiadi di Amsterdam del 1928, ventitreenne, conquistò il suo primo alloro olimpico: l’oro nella spada a squadre insieme a Carlo Agostoni, Giulio Basletta, Marcello Bertinetti, Giancarlo Cornaggia-Medici e Renzo Minoli. Quattro anni dopo la medaglia fu d’argento, sempre nella spada a squadre, con Agostoni, Cornaggia-Medici, Minoli e Saverio Ragno.

Toccò il culmine della sua carriera proprio alle Olimpiadi di Berlino, quando si aggiudicò la prova individuale e l’oro a squadre. Ma il palmarès di questo straordinario spadista comprende anche due i titoli a squadre ai Campionati Internazionali di Scherma del 1931 e 1933 (nonché tre secondi posti nel 1929, 1930 e 1934), quelli di Campione nazionale dilettanti dal 1927 al 1929, il terzo posto agli Europei del 1929. Vinse più di 50 medaglie d’oro tra Italia e resto del mondo…

Argento individuale a Berlino ’36, Saverio Ragno aveva già pregustato il podio olimpico a Los Angeles ’32, nella prova a squadre, e riuscì nell’incredibile impresa di cogliere un altro argento ai Giochi di Londra ’48, nel fioretto a squadre e alla veneranda età di quarantatré anni! Lo schermidore nato a Trani è il papà di Antonella Ragno, fiorettista d’oro a Monaco ’72, nonché suocero di Gianni Lonzi, pallanuotista medaglia d’oro a Roma ’60 con il Settebello.

Giancarlo Cornaggia-Medici, infine, riuscì a conquistare ben cinque medaglie olimpiche (tre ori, un argento e un bronzo), fra il 1928 e il 1936. Il primo podio a cinque cerchi giunse ai Giochi della IX Olimpiade di Amsterdam con l’oro nella competizione a squadre; quattro anni dopo arrivarono un argento ancora a squadre e l’oro individuale, che non sarà bissato ai Giochi di Berlino, dove fu terzo. Nella Germania hitleriana otterrà il terzo alloro olimpico della sua carriera, assieme ad una squadra formidabile, irresistibile, entrata di diritto nella storia della scherma italiana.

Storia delle Olimpiadi, prima puntata: Dorando Pietri
Storia delle Olimpiadi, seconda puntata: Ondina Valla
Storia delle Olimpiadi, terza puntata: Gian Giorgio Trissino
Storia delle Olimpiadi, quarta puntata: Pietro Mennea
Storia delle Olimpiadi, quinta puntata: Abebe Bikila
Storia delle Olimpiadi, sesta puntata: il massacro di Monaco 1972
Storia delle Olimpiadi, settima puntata: Jesse Owens
Storia delle Olimpiadi, ottava puntata: Mauro Checcoli
Storia delle Olimpiadi, nona puntata: Antonella Bellutti
Storia delle Olimpiadi, decima puntata: Paola Pezzo
Storia delle Olimpiadi, undicesima puntata: Nino Benvenuti
Storia delle Olimpiadi, dodicesima puntata: Vincenzo Maenza
Storia delle Olimpiadi, tredicesima puntata: l’oro maledetto dell’Italvolley
Storia delle Olimpiadi, quattordicesima puntata: i fratelli Abbagnale
Storia delle Olimpiadi, quindicesima puntata: Clemente Russo
Storia delle Olimpiadi, sedicesima puntata: Sara Simeoni
Storia delle Olimpiadi, diciassettesima puntata: Pino Maddaloni
Storia delle Olimpiadi, diciottesima puntata: Klaus Dibiasi
Storia delle Olimpiadi, diciannovesima puntata: Alberto Cova
Storia delle Olimpiadi, ventesima puntata: Edoardo Mangiarotti
Storia delle Olimpiadi, ventunesima puntata: Daniele Masala
Storia delle Olimpiadi, ventiduesima puntata: Novella Calligaris
Storia delle Olimpiadi, ventitreesima puntata: il Settebello 1992
Storia delle Olimpiadi, ventiquattresima puntata: Giorgio Cagnotto
Storia delle Olimpiadi, venticinquesima puntata: il Setterosa 2004
Storia delle Olimpiadi, ventiseiesima puntata: Nedo Nadi
Storia delle Olimpiadi, ventisettesima puntata: Gelindo Bordin
Storia delle Olimpiadi, ventottesima puntata: Giovanna Trillini
Storia delle Olimpiadi, ventinovesima puntata: la straordinaria pesistica italiana 1924
Storia delle Olimpiadi, trentesima puntata: Roberto Di Donna
Storia delle Olimpiadi, trentunesima puntata: l’Italia dell’hockey pista 1992
Storia delle Olimpiadi, trentaduesima puntata: il “due con” azzurro 1968
Storia delle Olimpiadi, trentatreesima puntata: l’oro della nazionale italiana di calcio 1936
Storia delle Olimpiadi, trentaquattresima puntata: Galliano Rossini
Storia delle Olimpiadi, trentacinquesima puntata: Patrizio Oliva
Storia delle Olimpiadi, trentaseiesima puntata: Giovanni Lombardi
Storia delle Olimpiadi, trentasettesima puntata: Uberto De Morpurgo
Storia delle Olimpiadi, trentottesima puntata: Giulio Gaudini
Storia delle Olimpiadi, trentanovesima puntata: il ciclismo italiano a Tokyo ’64
Storia delle Olimpiadi, quarantesima puntata: Norberto Oberburger
Storia delle Olimpiadi, quarantunesima puntata: Antonio Rossi
Storia delle Olimpiadi, quarantaduesima puntata: la fiamma olimpica
Storia delle Olimpiadi, quarantatreesima puntata: Ulderico Sergo
Storia delle Olimpiadi, quarantaquattresima puntata: Ugo Frigerio
Storia delle Olimpiadi, quarantacinquesima puntata: l’eccezionale ciclismo su pista azzurro ad Atlanta ’96
Storia delle Olimpiadi, quarantaseiesima puntata: i “Tre Moschettieri di Amsterdam”
Storia delle Olimpiadi, quarantasettesima puntata: Enrico Porro
Storia delle Olimpiadi, quarantottesima puntata: Pierpaolo Ferrazzi
Storia delle Olimpiadi, quarantanovesima puntata: il “quattro di coppia” azzurro a Sydney
Storia delle Olimpiadi, cinquantesima puntata: Rode – Straulino
Storia delle Olimpiadi, cinquantunesima puntata: Abdon Pamich
Storia delle Olimpiadi, cinquantaduesima puntata: Alberto Braglia

Clicca qui per mettere “Mi piace” alla nostra pagina Facebook
Clicca qui per iscriverti al nostro gruppo
Clicca qui per seguirci su Twitter

giuseppe.urbano@oasport.it

WEB TV

Lascia un commento

scroll to top