Ciclismo su pista: i ranking olimpici aggiornati (uomini)

viviani.jpg

Terminati i Campionati del mondo di ciclismo su pista vediamo i ranking olimpici aggiornati in vista dei Giochi che si svolgeranno quest’estate a Rio de Janeiro. Di seguito vi proponiamo i ranking maschili, ma vi basterà cliccare su queste parole per quanto riguarda le donne.

INSEGUIMENTO A SQUADRE 

Posizione Nazione Nazione Punti
1 (1) AUSTRALIA AUS 2390
2 (2) GREAT BRITAIN GBR 2310
3 (3) NEW ZEALAND NZL 2020
4 (4) GERMANY GER 1932
5 (5) DENMARK DEN 1782
6 (6) SWITZERLAND SUI 1768
6 (6) RUSSIA RUS 1768
8 (8) NETHERLANDS NED 1562
9 (11) CHINA CHN 1428
10 (9) COLOMBIA COL 1338
11 (10) FRANCE FRA 1216
12 (12) ITALY ITA 1102

CLICCA SU PAGINA 2 PER CONTINUARE A LEGGERE

Tag

4 thoughts on “Ciclismo su pista: i ranking olimpici aggiornati (uomini)”

  1. ale sandro scrive:

    Probabilmente non potevo mettere il link ,quindi riporto il messaggio.

    Spero ulteriormente di sbagliarmi, ma il documento UCI sul riepilogo finale delle carte olimpiche assegnate, sembrerebbe vedere Ceci relegato a prima riserva, e qualificati i due giapponesi.
    Temo quindi ci sia il rischio che tranne l’utente Andry84 , il quale se mai darà lezioni di inglese mi vedrà come primo alunno pagante 😀 , tutta o quasi l’Italia ciclistica, CONI, FCI in blocco dirigenti e tecnici compresi, giornalisti della Gazzetta, Rai, siti specializzati e chi più ne ha più ne metta, si siano tutti presi una di quelle cantonate clamorose.
    Va anche detto che può aver fatto equivocare un cambio di dicitura che anche in altri siti era stato notato a qualificazione avviata (da ‘maximum number of riders per continent’ a a maximum numbers of NOC’s per continent) ,ma la sostanza non cambia: potevano qualificarsi due atleti per ogni singolo evento della velocità (sia sprint e keirin) e non solo uno per specialità,anche tra le non qualificate dal team sprint.
    Credo anche che non solo l’Italia sia rimasta “fregata” da questa confusione ,ma pure la stessa Russia, che non ha schierato al mondiale nel keirin , a mio modo di vedere senza alcuna logica, Dmitriev (non presente nella starting list da giorni) bronzo nella velocità il giorno prima, il quale poteva ancora scavalcare il ceco Kelemen, facendo più o meno ciò che ha fatto l’azero Omelchenko ,e cioè vincere la finalina, o piazzarsi in finale anche non sul podio.
    A prescindere da tutto questo , dispiace per la poca accortezza federale, ma soprattutto per Francesco Ceci che si è impegnato come non mai per raggiungere questo obbiettivo. La speranza ovviamente è che ci siano degli errori in questo documento di riepilogo della UCI e in realtà Ceci sia ancora qualificato a Rio.

  2. ale sandro scrive:

    Spero ulteriormente di sbagliarmi, ma il documento UCI sul riepilogo finale delle carte olimpiche assegnate, sembrerebbe vedere Ceci relegato a prima riserva, e qualificati i due giapponesi.

    http://www.uci.ch/mm/Document/News/News/17/54/00/Rio2016_OlympicQuotas_Neutral.pdf

    Temo quindi ci sia il rischio che tranne l’utente Andry84 , il quale se mai darà lezioni di inglese mi vedrà come primo alunno pagante 😀 , tutta o quasi l’Italia ciclistica, CONI, FCI in blocco dirigenti e tecnici compresi, giornalisti della Gazzetta, Rai, siti specializzati e chi più ne ha più ne metta, si siano tutti presi una di quelle cantonate clamorose.
    Va anche detto che può aver fatto equivocare un cambio di dicitura che anche in altri siti era stato notato a qualificazione avviata (da ‘maximum number of riders per continent’ a a maximum numbers of NOC’s per continent) ,ma la sostanza non cambia: potevano qualificarsi due atleti per ogni singolo evento della velocità (sia sprint e keirin) e non solo uno per specialità,anche tra le non qualificate dal team sprint.
    Credo anche che non solo l’Italia sia rimasta “fregata” da questa confusione ,ma pure la stessa Russia, che non ha schierato al mondiale nel keirin , a mio modo di vedere senza alcuna logica, Dmitriev (non presente nella starting list da giorni) bronzo nella velocità il giorno prima, il quale poteva ancora scavalcare il ceco Kelemen, facendo più o meno ciò che ha fatto l’azero Omelchenko ,e cioè vincere la finalina, o piazzarsi in finale anche non sul podio.
    A prescindere da tutto questo , dispiace per la poca accortezza federale, ma soprattutto per Francesco Ceci che si è impegnato come non mai per raggiungere questo obbiettivo. La speranza ovviamente è che ci siano degli errori in questo documento che ho linkato e in realtà Ceci sia ancora qualificato a Rio.

  3. Andry84 scrive:

    Secondo me questi sono i ranking olimpici del 22 di febbraio, ovvero non tengono conto dei risultati del mondiale.

    1. ale sandro scrive:

      Esatto. In genere l’UCI li mette sul sito in tarda serata o il martedì.

Lascia un commento

Top