MotoGp, Gp Americhe 2017: Maverick Vinales cerca il colpo gobbo a “casa” Marquez, sognando una prima mini-fuga in campionato

pagina-facebook-Maverick-Vinales.jpg

Il Mondiale MotoGp 2017, che si appresta a scendere in pista nel week-end ad Austin, negli Stati Uniti, ha fino ad ora avuto un chiaro padrone: Maverick Vinales. Lo spagnolo della Yamaha ha infatti vinto i primi due round del campionato, dando l’impressione di avere un margine sul resto della concorrenza piuttosto importante, ma soprattutto di saper correre con grande autorevolezza nei vari momenti della singola gara, nonostante si stia trovando, per la prima volta, nel ruolo di contender in ottica titolo. Ogni gran premio è dunque un nuovo capitolo di questo libro appena iniziato dal “top gun”, per cercare di capire se qualcuno può contrastarlo nel breve, animando la contesa, oppure se c’è veramente il rischio che il 22enne iberico possa “uccidere” la concorrenza già dopo pochi appuntamenti iridati.

Il GP delle Americhe, su di una pista teoricamente molto favorevole a Marc Marquez ed alla Honda, può essere un banco di prova interessante per valutare l’avanzamento dei “lavori” rispetto alla forza di Vinales: se dovesse riuscire a vincere anche negli Stati Uniti, o comunque fare gara di vertice con il suo connazionale ed attuale campione, darebbe una risposta obiettivamente preoccupante ai rivali, specie pensando a quando arriveranno piste nuovamente favorevoli alla Yamaha. In realtà, Maverick sul tracciato americano ha dimostrato di saper andare forte: 2° in Moto3 nel 2013, vincitore in Moto2 nel 2014 (prima affermazione assoluta in quella categoria, tra l’altro), nella top ten nel 2015 e 4° l’anno passato, risultato migliore in MotoGp ottenuto fino a quel momento dall’allora pilota Suzuki. Non sarà il dominio, a tratti imbarazzante, esercitato da Marquez sul Circuit of the Americas, ma è comunque un ruolino di marcia di tutto rispetto.

Dunque attenzione alla candidatura di Vinales anche per la gara di Austin, specialmente considerando il fatto che, ad oggi, il 22enne di Figueres ha saputo esprimersi in maniera convincente su diverse tipologie di tracciato, seppur non così ottimali per Yamaha. Vincere sarebbe un “colpo gobbo” anche in ottica titolo, permettendo all’iberico di arrivare in Europa con un bottino di punti di margine sui rivali già significativo.

Clicca qui per mettere “Mi piace” alla nostra pagina Facebook
Clicca qui per iscriverti al nostro gruppo
Clicca qui per seguirci su Twitter

davide.brufani@oasport.it

Foto: Profilo Facebook ufficiale Maverick Vinales

 

Lascia un commento

Top