Ginnastica, Europei 2017 – Italia bene in qualifica: Lara Mori terza al libero, spera nella Finale! Giada Grisetti c’è nel generale. Cade Eremina battuta da Alt, che botti di Paseka e Seitz

Lara-Mori-Roma.jpg

Italia protagonista nella seconda suddivisone del turno di qualificazione agli Europei 2017 di ginnastica artistica. A Cluj-Napoca (Romania) sono scese in pedana le prime due azzurre che hanno eseguito dei discreti esercizi, concludendo la propria avventura in maniera egregia.

Il miglior risultato è senza dubbio quello di Lara Mori che non delude le aspettative al corpo libero, confeziona una prestazione di tutto rispetto e viene premiata dai giudici con un positivo 13.533 (siamo nei dintorni dei 14 punti con il vecchio codice). La nostra capitana non ha sbagliato e si è messa in luce grazie a una coreografia di qualità e un’acrobatica di spessore che è riuscita a farsi apprezzare anche a livello internazionale (un paio di decimi sotto al suo top stagionale in ambito italiano, al netto dei bonus). La toscana può ritenersi più che soddisfatta ed è momentaneamente terza, alle spalle della russa Elena Eremina (13.633) e della britannica Claudia Fragapane (13.766) che si era esibita in prima rotazione.

Lara Mori, già presente ai Mondiali 2014 e 2015 nonché riserva alle Olimpiadi di Rio 2016, incrocia le dita e spera di poter agguantare la Finale di Specialità: non sarà facile viste le big che vedremo nelle prossime due suddivisioni ma si può sognare. Nel concorso generale la 18enne è quarta (52.365) grazie al 13.466 al volteggio, 12.366 alla trave (piccola sbavatura, si poteva strappare qualcosina in più) e al 13.000 alle parallele con cui ha aperto la sua gara.

 

Giada Grisetti è invece ottima terza sul giro completo (52.932) e si garantisce un pass per la Finale all-around in programma domani pomeriggio (al netto di cataclismi nelle ultime due suddivisioni), a cui parteciperà insieme a un’altra azzurra (vedremo come si posizionerà Martina Maggio, in pedana tra pochi minuti). Giada, al debutto tra le grandi (l’anno scorso ha partecipato agli Europei juniores con il body della Svizzera), ha condotto una gara continua, sporcata purtroppo da due uscite di pedana al corpo libero (13.533). Per il resto 13.433 alle parallele, 13.033 alla trave e 14.100 al volteggio dove ha eseguito il doppio avvitamento.

Nella seconda suddivisione non hanno deluso i nomi grossi. Maria Paseka, Campionessa del Mondo al volteggio e argento alle Olimpiadi 2016, si è prodigata in un Cheng e in un dty ottenendo la media di 14.412: la russa è super favorita per l’oro. Ellie Seitz, grande specialista alle parallele, ha lustrato il suo attrezzo preferito con un sontuoso 14.566 ma la tedesca ha deciso di non disputare il generale (fu argento nel 2011).

Elena Eremina, Campionessa d’Europa all-around tra le under 16, è invece caduta da una serie acrobatica alla trave ma è stata meravigliosa alle parallele (14.466) ed è seconda nella classifica parziale (54.698) alle spalle della tedesca Tabea Alt (54.866), vincitrice dell’ultima Coppa del Mondo che ha fatto della continuità il suo punto di forza.

 

Lascia un commento

Top