Canottaggio, Alessandra Patelli: “Avevo deciso di fermarmi ma l’amore per il mio sport si è rivelato troppo forte”

Patelli-Bertolasi-Canottaggio-Pier-Colombo.jpg

Quando il canottaggio è un’emozione, un orgoglio, un brivido. Alessandra Patella aveva deciso di appendere il remo al chiodo per dedicarsi agli studi di medicina. La mancanza di ‘fare fatica’ si è rivelata tuttavia troppo grande per l’azzurra che ha deciso di riprendere gli allenamenti per puntare, chissà, a un’altra rassegna a cinque cerchi. Sul sito Snapitaly.it (qui l’intervista) l’azzurra che a Rio ha gareggiato nel due senza insieme a Sara Bertolasi ha parlato della passione per il suo sport e della decisione di conciliare sport e università.

“A 18 anni sono andata una settimana in America, vicino New York, ad imparare l’inglese. Non sapevo assolutamente cosa fosse il canottaggio. Lì, la ragazza che mi ospitava praticava questo sport e andava ad allenarsi con la scuola; un giorno mi ha chiesto di provare e io, essendo sempre stata una ragazza che fa sport, ho detto di sì. Da quel momento mi sono innamorata del canottaggio. Ho immediatamente chiamato mio padre e gli ho chiesto di iniziare a cercare una squadra in Italia”.

Terminata la sua prima rassegna olimpica a Rio 2016 la 25enne che studia medicina all’università di Padova aveva deciso di sospendere per almeno un anno l’attività remiera ma il suo desiderio di continuare a fare sport all’aria aperta ha prevalso. “Ho avuto una crisi di identità, mi sono sempre allenata tutti i giorni. Quindi ho ripreso, e quest’anno punto a fare i campionati italiani. Ovvio che l’idea di un’altra olimpiade mi fa gola ma devo tenere conto di quanto questo comporti a livello di tempo e di affetti”. 

Clicca qui per mettere “Mi piace” alla nostra pagina Facebook
Clicca qui per iscriverti al nostro gruppo
Clicca qui per seguirci su Twitter

Foto Pier Colombo

Tag

Lascia un commento

Top