Tirreno-Adriatico, le pagelle della quarta tappa: Quintana irraggiungibile, Nibali delude, Aru in crisi

Quintana-Ciclismo-libera.jpg

La tappa regina della Tirreno-Adriatico, con l’arrivo in cima al Terminillo, vede trionfare in solitaria Nairo Quintana, che agguanta anche la leadership della classifica generale. Questi i voti dei protagonisti di giornata:

Nairo Quintana: 10. Una grande prestazione del colombiano che domina la tappa, facendo il vuoto nella salita finale. Ennesima dimostrazione delle qualità di scalatore di questo corridore, che quando la strada inizia a salire, diventa irraggiungibile. Oggi ha ipotecato la vittoria delle generale e partirà ancora da favorito al Giro.

Geraint Thomas: 8. La cronometro a squadre iniziale ha condannato la classifica generale dei corridori Sky, ma non ha spento la voglia di provarci. Oggi Thomas ha dimostrato che con la grinta e la voglia di fare, i risultati arrivano. Il britannico, pur non essendo uno scalatore, ha dato tutto sulla salita finale ed è riuscito a prendere un ottimo secondo posto, a 18 secondi da Quintana.

Adam Yates: 7. Se ieri parlavamo del fratello Simon alla Pairgi-Nizza, oggi parliamo di lui. Una bella prestazione, con un terzo posto di tappa che lo porta al secondo posto in classifica generale. Non ha voluto strafare ed è salito con il suo passo, centrando un buon risultato.

Simon Spilak: 7. Un voto positivo, oltre che per la prestazione, per la grinta. Lo sloveno ha attaccato all’inizio della salita, insieme a un gruppetto e ha continuato a scattare per cercare il successo. Nel finale le energie sono venute meno, ma porta a casa comunque un buon 5° posto in classifica.

Vincenzo Nibali: 5. L’epilogo della tappa è stato deludente. Perché quando la Bahrain Merida ha iniziato a tirare sull’ultima salita, tutti ci aspettavamo un Nibali in grande forma. Quando però la corsa è entrata nel vivo, il siciliano ha iniziato a perdere terreno, non riuscendo, ancora una volta, a gestire i cambi di ritmo. Il risultato finale è 24° a 1′ 43″: decisamente troppo per le ambizioni della vigilia. Un campanello d’allarme in vista del Giro.

Fabio Aru: 3. Una giornata nera per Aru, che si stacca ad inizio salita, trasformando l’ascesa finale in un calvario. Difficile commentare la prestazione odierna, il 37° posto a oltre 4 minuti da Quintana, è un risultato impietoso. Probabilmente il sardo non è ancora riuscito a superare i risultati negativi della scorsa stagione. Se queste sono le premesse in vista del Giro…

 

Clicca qui per mettere “Mi piace” alla nostra pagina Facebook
Clicca qui per iscriverti al nostro gruppo

Clicca qui per seguirci su Twitter

Foto:

Lascia un commento

Top