Speed Skating, finali Coppa del Mondo Stavanger 2017: quarta piazza per il team pursuit azzurro, Nicola Tumolero 7° nei 5000 metri

pagina-FB-Michele-Malfatti.jpg

Nella prima giornata delle finali di Coppa del Mondo di speed skating a Stavanger (Norvegia), c’era attesa per il team pursuit italiano composto da Andrea Giovannini, Nicola Tumolero e Michele Malfatti. Ebbene, gli azzurri si sono classificati in quarta posizione non riuscendo a centrare il podio, fermandosi a 2’48” dalla terza piazza del Giappone. Un peccato, pensando alle potenzialità del tris tricolore che nel corso della stagione aveva mostrato segnali di vitalità, come il podio nell’appuntamento di Heerenveen (Olanda). A vincere sono stati, manco a dirlo, gli orange in 3’43″02 precedendo la Norvegia (3’43″35) ed, appunto, la selezione nipponica (3’44″09).

Lo show dei Paesi Bassi si è replicato nei 5000 metri maschili vinti da Jorrit Bergsma in 6’17″74 con +0″72 di vantaggio sul canadese Ted-Jan Bloemen e +1″33 sul connazionale Erik Jan Kooiman. Settima piazza per Tumolero (6’24″03) a dimostrazione dei miglioramenti stagionali mentre più indietro Giovannini. Il pinetano non è andato oltre l’11° posto chiudendo la sua prova in 6’39″67 e girando piuttosto lentamente dai 3400m  in poi.

I 3000 metri femminili sono stati ad appannaggio della ceca Martina Sablikova con il tempo di 4’04″21. La vice campionessa iridata 2017 (alle spalle di Ireen Wust assente a Stavanger) ha preceduto il duo olandese Antoinette de Jong (4’05″35) e Melissa Wijfje (4’05″59). Undicesimo crono per la nostra Francesca Lollobrigida già proiettata alla mass start di domani.

Nella velocità femminile Nao Kodaira e Heather Richardson-Bergsma hanno fatto la voce grossa confermandosi leader in queste specialità. L’atleta del Sol Levante, campionessa del mondo sprint 2017 a Calgary, si è imposta nei 500 metri in 37″14 davanti alla ceca Karolina Erbanova (37″87), uniche due ad infrangere la barriera dei 38″, ed alla citata Richardson-Bergsma (38″13). Americana che si è presa la rivincita nei 1000m, distanza nella quale ha vinto l’oro nella rassegna iridata su singole distanze a Gangneung, centrando il bersaglio grosso in 1’14″85, battendo proprio la Kodaira (1’14″90) e la Erbanova (1’15″22).

Sul versante maschile, i 500 metri sono stati un dominio tulipano: ben quattro atleti nei primi 4 posti con Dai Dai Ntab, il più veloce in 34″93, messosi alle spalle i connazionali Ronald Mulder (34″99) e Kai Verbij (35″01), medaglia d’oro a Calgary. Il tulipano Kjeld Nuis a segno, invece, nel chilometro in 1’08″76 facendo meglio del canadese Vincent De Haitre (1’09″28) e del tedesco Nico Ihle (1’09″42).

RISULTATI COMPLETI

 

giandomenico.tiseo@oasport.it

Twitter: @Giandomatrix

Clicca qui per mettere “Mi piace” alla nostra pagina Facebook
Clicca qui per iscriverti al nostro gruppo
Clicca qui per seguirci su Twitter

Foto da pagina facebook Michele Malfatti

Lascia un commento

Top