Sci alpino, Mondiali Junior 2017: Alexander Prast conquista l’argento in discesa alle spalle di Sam Morse. Giornata targata USA

Sci-alpino-Alexander-Prast-FB.jpg

Si sono aperti quest’oggi sulle nevi svedesi di Åre i Campionati Mondiali Junior di sci alpino 2017: dopo la discesa libera femminile, vinta in mattinata dalla statunitense Alice Merryweather (clicca qui per saperne di più), è stata la volta dell’omologa prova maschile. Ad imitare la connazionale è stato il ventenne Sam Morse, partito con il numero trenta e capace di approfittare di una situazione che ha favorito i pettorali alti. Reduce da due podi in Nor-Am Cup, il circuito continentale nordamericano, Morse ha fatto segnare il tempo di 1’23”34, battendo di 38/100 il crono stabilito cinque pettorali prima dall’azzurro Alexander Prast, che per un attimo ha assaporato la vittoria. Per l’azzurro classe 1996 si tratta comunque di un grande risultato, visto che il suo miglior risultato stagionale era stato un tredicesimo posto nella gara di Coppa Europa a Kitzbühel. Il vincitore Morse si guadagna invece il diritto di gareggiare in casa alle finali di Coppa del Mondo che avranno luogo ad Aspen.

A completare il podio è stato l’austriaco Raphael Haaser, partito addirittura con il pettorale numero cinquanta, che ha accusato mezzo secondo di ritardo dal vincitore. Un secondo nordamericano, il canadese James Crawford, ha occupato la quarta posizione finale con 61/100 di ritardo da Morse, precedendo di sei centesimi lo svizzero Marco Gämperle (+67/100), quinto e migliore fra i primi a partire.

Per trovare gli altri italiani bisogna scendere fino alla ventisettesima posizione di Nicolò Molteni, staccato di 1”91, mentre Federico Simoni ha chiuso ben oltre la trentesima posizione con 3”71 di ritardo.

Il programma proseguirà domani con le due gare di supergigante.

giulio.chinappi@oasport.it

Clicca qui per mettere “Mi piace” alla nostra pagina Facebook
Clicca qui per iscriverti al nostro gruppo Facebook
Clicca qui per seguirci su Twitter

Immagine: Alexander Prast (Facebook)

Lascia un commento

Top