Sci alpino, gigante femminile Squaw Valley 2017: Mikaela Shiffrin al comando dopo la prima manche. Quattro azzurre in lotta per il podio

Marta-Bassino-Pier-Colombo.jpg

Nel gigante femminile di Squaw Valley (Usa) va in scena un fantastico duello tra l’americana Mikaela Shiffrin e la francese Tessa Worley. rispettivamente argento ed oro agli ultimi Mondiali di St. Moritz. Entrambe le campionesse hanno mostrato di viaggiare su un altro livello, attualmente, rispetto al resto del mondo.

Dopo aver guadagnato ben 35 centesimi nella parte alta più scorrevole, Shiffrin si è difesa egregiamente sul ripido, chiudendo al comando la prima frazione con 2 decimi di vantaggio sulla transalpina. Se il risultato dovesse essere confermato anche nella seconda manche, i giochi per la conquista della Coppa del Mondo di specialità resterebbero aperti, anche se alla francese basterebbe un quindicesimo posto nella finale di Aspen per aggiudicarsi il titolo.

Molto buona anche la prestazione dell’Italia, con ben quattro azzurre in lizza per il terzo gradino del podio. Marta Bassino, scesa con il pettorale numero 1, è terza a 0.55 dalla vetta. Una discesa pulita da parte della 21enne piemontese, anche se meno esplosiva rispetto alle atlete che la precedono. In quarta e quinta posizione, staccate rispettivamente di 0.99 e 1.17 troviamo Federica Brignone, troppo rotonda nelle traiettorie, ed una intramontabile Manuela Moelgg, in stato di grazia nella stagione in corso, a dispetto dei 33 anni. L’altoatesina ha lo stesso tempo della slovena Ana Drev ed appena un centesimo in meno rispetto a Sofia Goggia, settima e poco a suo agio sulla pista americana. Dalla corsa al podio non va esclusa neppure l’austriaca Stephanie Brunner, ottava a 1.20.

Un secondo e mezzo di distacco per la tedesca Viktoria Rebensburg, per la quale si conferma un’annata con più ombre che luci. Completa la top10 la slovacca Petra Vlhova.

Clicca qui per mettere “Mi piace” alla nostra pagina Facebook
Clicca qui per iscriverti al nostro gruppo
Clicca qui per seguirci su Twitter

Lascia un commento

Top