Golf, European Tour 2017. Terzo giro sospeso per oscurità. Un trio al comando dell’Hero Indian Open, Matteo Manassero perde terreno

Manassero03-Golf-Valerio-origo.jpg

Le avverse condizioni meteo del weekend continuano ad influenzare l’andamento dell’Hero Indian Open (montepremi 1,75 milioni di euro), torneo inserito nel circuito dell’European Tour 2017, in corso di svolgimento a Delhi sul percorso par 72 del DLF Golf and Country Club. Il terzo giro è stato sospeso per oscurità e al comando per ora c’è il trio composto dallo spagnolo Carlos Pigem, dall’inglese Eddie Pepperell e dal detentore del trofeo, l’indiano SSP Chawrasia, tutti a pari merito con 6 colpi sotto il par dopo 11 buche della penultima tornata.

Alle loro spalle si fa largo il sorprendente malese Gavin Green, quarto con 5 colpi sotto il par grazie ad un giro pressoché impeccabile (-6 dopo 17 buche), il migliore di giornata, che gli ha consentito di recuperare 15 posizioni e di issarsi momentaneamente ai piedi del podio. Perde quota, invece, l’inglese David Horsey, scivolato in quinta posizione (-4) con un terzo giro finora in linea col par e appaiato al nordirlandese Michael Hoey. Restano ampiamente in corsa per la vittoria anche lo scozzese Scott Jamieson e il francese Grégory Havret, settimi con un punteggio di -3.

Un double bogey alla buca 6, invece, condiziona la prova dell’azzurro Matteo Manassero, che perde terreno e si trova attualmente in nona posizione con 11 buche completate nel terzo round. Manassero è affiancato dai due statunitensi Peter Uihlein e Paul Peterson con un colpo sotto il par, precedendo lo spagnolo Rafa Cabrera Bello, 12° e in linea col par, e l’indiano Anirban Lahiri, 19° a quota +2. I punteggi molto bassi sul field indiano rivalutano la prestazione di Edoardo Molinari, 28° con 4 colpi sopra il par e autore di un terzo giro chiuso col punteggio di +1, mentre Nino Bertasio è 48° con 7 colpi sopra il par al termine di un round estremamente altalenante, caratterizzato da due double bogey alle buche 7 e 16 e da un eagle alla buca 9. Il taglio, infine, non ha risparmiato Renato Paratore, che a metà gara non è andato oltre l’86° posto a quota +9.

mauro.deriso@oasport.it

Clicca qui per mettere “Mi piace” alla nostra pagina Facebook
Clicca qui per iscriverti al nostro gruppo Facebook
Clicca qui per seguirci su Twitter

 Foto di Valerio Origo

Lascia un commento

Top