Ciclismo femminile, Trofeo Binda 2017: parata di stelle a Cittiglio. Armistead favorita, l’Italia punta su Elisa Longo Borghini

Elisa-Longo-Borghini-Pier-Colombo.jpg

Domenica si svolgerà la 19ma edizione del Trofeo Alfredo Binda, terza prova del World Tour femminile dopo le Strade Bianche e la Ronde Van Drenthe. Il percorso che abbraccia la provincia di Varese, da Taino a Cittiglio, è abbastanza vallonato, ma il finale è comunque adatto a ruote veloci. In quello che viene definito “il mondiale di primavera” ci saranno tutte le stelle del ciclismo femminile.

La favorita numero uno è l’inglese Elizabeth Armitstead, che ha vinto le ultime due edizioni della corsa e cercherà quest’anno una storica tripletta, mai riuscita a nessuna fino ad ora. Abbiamo poi l’immancabile Marianne Vos, già vincitrice di tre edizioni, e la campionessa olimpica Anna van Der Breggen, anche lei attesa ad una grande prestazione.

Passiamo alle speranze azzurre, con gli occhi puntati su Elisa Longo Borghini, che ha iniziato nel migliore dei modi questa stagione. Infatti, grazie alla vittoria alla Strade Bianche e al quarto posto alla Ronde van Drenthe, si trova a guidare la classifica World Tour dell’U.C.I. Già vincitrice del Binda nel 2013, quest’anno cercherà un altro grande risultato. L’altra speranza italiana sarà Elena Cecchini, che ha sfiorato il successo alla Ronde Van Drenthe, piazzandosi al secondo posto.

Infine tra le tante outsider, sottolineiamo la presenza della statunitense Megan Guarnier, vincitrice del Giro di Italia dello scorso anno, dell’olandese Annemiek van Vleuten, in grande forma in questa inizio di stagione e della polacca Katarzyna Niewiadoma, reduce dal secondo posto alle Strade Bianche.

Clicca qui per mettere “Mi piace” alla nostra pagina Facebook
Clicca qui per iscriverti al nostro gruppo

Clicca qui per seguirci su Twitter

Foto: Pier Colombo

Lascia un commento

Top