Atletica, Europei Indoor 2017 – Fabrizio Donato, cuore infinito: epocale medaglia d’argento! A 40 anni si inchina solo a Nelson Evora

profilo-fb-fabrizio-donato.jpg

Fabrizio Donato è letteralmente immenso! Un highlander, una leggenda infinita, un monumento dell’atletica leggera italiana che non smette più di stupire, che piazza l’ennesima zampata in fondo a una carriera come poche nella storia dell’intera disciplina.

A 40 anni suonati il nostro capitano conquista la medaglia d’argento agli Europei Indoor 2017 in corso di svolgimento alla Kombank Arena di Belgrado (Serbia). Il laziale, già bronzo alle Olimpiadi di Londra 2012, si era presentato in gara senza nessun salto in stagione, con un acciacco alle spalle che sembrava non dargli pace poi l’illuminazione nel turno di qualificazione, un agevole pass per l’atto conclusivo e oggi l’esplosione.

Grazie al 17.13 saltato al secondo tentativo, Donato sale sul podio continentale al coperto per la terza volta in carriera dopo il trionfo del 2009 e l’argento del 2011. Con una graffiata delle sue, Fabrizio ci ha fatto nuovamente esultare ed emozionare, anzi per qualche minuto abbiamo cullato addirittura il sogno della medaglia d’oro. Arriva da un veterano la prima medaglia per l’Italia a questi Europei dopo i flop di Jacobs e Howe. Ora speranze riposte anche su Silvano Chesani e sulla 4x400m.

A privarci del trionfo ci ha pensato l’infinito portoghese Nelson Evora, Campione Olimpico a Pechino 2008 e Campione del Mondo a Osaka 2007. Un super big che a 32 anni si è nuovamente consacrato, confermandosi sul trono d’Europa dopo il successo di Praga 2015.

Terzo posto per il tedesco Max Hess (17.12), non è bastato al lettone Elvijs Misans il personale di 17.02 per andare oltre il quarto posto. Hanno deluso i francesi Melvin Raffin (16.92) e Jean-Marc Pontvianne (16.90). Da annotare anche il record nazionale finlandese firmato da Simo Lipsanen (16.84, settimo).

 

Lascia un commento

Top