Sci alpino, Mondiali 2017: in slalom tutte contro Mikaela Shiffrin. Zuzulova guida il gruppo delle rivali

Mikaela-Shiffrin-Pier-Colombo.jpg

Penultima giornata ai Mondiali di sci alpino a St.Moritz ed in programma c’è lo slalom femminile. Probabilmente la gara di questa rassegna iridata dove il pronostico appare più scontato, perchè tutto fa veramente pensare ad un dominio di Mikaela Shiffrin. L’americana è reduce dall’argento del gigante e punta tra i pali stretti a salire sul gradino più alto del podio, cosa che le è riuscita negli ultimi due Mondiali disputati.

La sensazione è quella che solo Shiffrin possa perdere la medaglia d’oro, ma comunque il lotto delle rivali è numeroso. A guidarlo c’è sicuramente Veronika Velez Zuzulova, che è reduce da una straordinaria prestazione nel Team Event, dove si è messa in luce anche la connazionale Petra Vlhova. Slovacche dunque alla caccia di un’altra storica medaglia e sono forse loro le prime avversarie di Shiffrin.

Attenzione anche alla beniamina di casa Wendy Holdener, che si è sbloccata con l’oro in combinata e che sicuramente gareggerà con molta meno pressione e che potrebbe dare l’ennesima soddisfazione ai propri tifosi. Non bisogna assolutamente dimenticare Frida Hansdotter, vincitrice della classifica di specialità lo scorso anno, che pare aver raggiunto il picco di forma proprio in questi Mondiali.

Altre outsider la norvegese Nina Loseth, la ceca Sarka Strachova, l’austriaca Bernadette Schild. Ci può davvero essere una bella lotta per le medaglie.

In casa Italia lo slalom è sempre stata la specialità dove meno si è raccolto, anche se nelle ultime gare qualche segnale positivo è arrivato, soprattutto da parte di Chiara Costazza. Per salire sul podio servirà un miracolo e l’obiettivo è quello di una buon piazzamento tra le prime dieci. Insieme a Costazza ci saranno anche Irene Curtoni, Manuela Moelgg e Federica Brignone.

Clicca qui per mettere “Mi piace” alla nostra pagina Facebook
Clicca qui per iscriverti al nostro gruppo Facebook
Clicca qui per seguirci su Twitter

foto: Pier Colombo

Tag

Lascia un commento

Top