Slittino, Coppa del Mondo 2017: l’Italia punta in alto a Sigulda

Dominik-Fischnaller-Paola-Castaldi.jpg

Sesta tappa per la Coppa del Mondo di slittino: nel weekend il massimo circuito internazionale si sposta in Lettonia, sul famoso catino di Sigulda, dove si svolgeranno le consuete prove, oltre alla sprint di domenica pomeriggio. L’Italia parte con grandi ambizioni su un budello che per anni è stato favorevole ai colori azzurri.

Una pista che porta alla mente grandissimi ricordi per l’attuale direttore tecnico della squadra tricolore: Armin Zoeggeler. Sono addirittura dieci i trionfi in Coppa del Mondo per il Cannibale sul catino baltico, con l’ultima affermazione della carriera che risale al 26 gennaio 2014, poco meno di tre anni fa. Altri due titoli di Zoeggeler possono collocarsi a Sigulda: l’Europeo del 2014 e i Mondiali del lontanissimo 2003. Il ghiaccio molto compatto a causa delle temperature bassissime (ben al di sotto dello zero) è sempre stato favorevole alle slitte tricolori: da ricordare anche una vittoria nel team relay nel 2012.

L’Italia potrà puntare tutto su Dominik Fischnaller, attuale stella della squadra: l’altoatesino, che può vantare due podi in stagione a Park City, nel 2014 giunse al terzo posto negli Europei vinti dal suo attuale direttore tecnico. Quello baltico però è anche il catino più amato dai veterani del doppio Christian Oberstolz e Patrick Gruber: per loro ben quattro vittorie in carriera e una miriade di podi. Ci si aspetta poi una crescita da parte del settore femminile, con soprattutto Sandra Robatscher che può fare bene.

Di sicuro la tappa baltica appare fondamentale per l’Italia: fare dei buoni risultati qui significherebbe acquisire la giusta carica in vista degli imminenti Mondiali di Igls.

gianluca.bruno@oasport.it

Clicca qui per mettere “Mi piace” alla nostra pagina Facebook
Clicca qui per iscriverti al nostro gruppo Facebook
Clicca qui per seguirci su Twitter

Foto: Paola Castaldi

Lascia un commento

Top