Basket, Eurolega 2016/2017: l’EA7 Milano perde 100-79 contro i russi dell’Unics Kazan

jamel-mclean-basket-olimpia-milano-foto-origo.jpg

Sesta sconfitta in dieci partite, la terza consecutiva in Eurolega: l’EA7 Armani Milano ha concesso 100 punti agli avversari dell’Unics Kazan, pagando un passivo di 21 punti e perdendo contatto dai primi 8 posti in classifica utili per passare il turno. Orfana di Alessandro Gentile, l’Olimpia ha concesso troppo agli avversari senza essere incisiva in fase d’attacco come invece aveva fatto in altre partite stagionali.

L’inizio dei meneghini era stato incoraggiante con un parziale di 6-0 ma da quel momento in poi, salvo qualche fiammata, l’attacco è rimasto sterile, spesso molto fermo e aggrappato alle solite iniziative individuali. Nel contempo la difesa non è mai riuscita a trovare le contromisure per rispondere all’Unics, che ha mosso bene la palla trovando buoni tiri contro una squadra spesso troppo ferma o in ritardo.

Dopo il buon inizio Milano ha chiuso già in netto ritardo il primo quarto (35-24, indicativo di come poi si sarebbe sviluppata la gara). L’Olimpia ha provato a più riprese a chiudere questo gap, costantemente nell’ordine dei 10-12 punti, ma una volta arrivata a 73-69 all’inizio dell’ultimo quarto ha abbandonato ogni velleità di successo concedendo un parziale di 27-10 nel quarto e decisivo periodo. 

Per i padroni di casa dell’Unics Kazan da segnalare i 25 punti di Keith Langford, con 8/13 al tiro, 4 rimbalzi e 4 assist. Ottima prova anche per Parakhouski e Panin, rispettivamente da 16 e 18 punti. 16 a referto, invece, per Jamel McLean, il miglior realizzatore per l’EA7 Milano e per lunghi tratti l’ancora di salvezza per la squadra italiana.

Twitter: @Santo_Gianluca

Clicca qui per mettere “Mi piace” alla nostra pagina Facebook
Clicca qui per iscriverti al nostro gruppo
Clicca qui per seguirci su Twitter

gianluca.santo@oasport.it

Foto: Valerio Origo

Lascia un commento

Top