Basket, Eurolega 2016-2017: Milano vola in Russia per affrontare lo Unics Kazan di Keith Langford

Gentile-3-Olimpia-Milano-Valerio-Origo.jpg

Trasferta in Russia per l’Olimpia Milano nella decima giornata di Eurolega. L’EA7 sarà impegnata sul campo dello Unics Kazan (ore 17.00, diretta Fox Sports) in una partita che la squadra di Repesa non può permettersi di sbagliare per evitare di scivolare ancora più indietro in classifica e allontanarsi dalle prime otto.

Prima dell’incontro ci sarà tempo anche per i sentimenti e per qualche ricordo passato, visto che nello Unics gioca Keith Langford. La guardia americana ha vissuto due anni a Milano, diventando uno dei grandi protagonisti dello Scudetto del 2014 e di quella meravigliosa cavalcata europea interrotta solamente dal Maccabi nei quarti di finale, ad un passo dalle Final Four, vinte poi proprio dagli israeliani.

In campo, però, Milano non dovrà essere assolutamente amica di Langford, perchè si trova davanti il miglior realizzatore di tutta l’Eurolega con 23 punti di media a partita (in testa anche nella graduatoria della valutazione). Non solo Langford, ma nelle fila dei russi l’Olimpia deve fare attenzione al play Quino Colom e alle sue iniziative con il centro Artsiom Parakhouski.

Attualmente i russi sono ultimi in classifica con un record di 2-7, ma hanno vinto in casa del Fenerbahce. Sono una squadra da non sottovalutare, ma alla quale bisogna mettere pressione fin da subito, sfruttando al meglio i passaggi a vuoto che spesso caratterizzano i match dello Unics. Fondamentale il recupero in casa Milano di Krunoslav Simon, che ha smaltito la febbre come Andrea Cinciarini. L’Olimpia deve assolutamente vincere, perchè è reduce da due ko di fila con Stella Rossa e Real Madrid e anche perchè deve trovare qualche colpo esterno se vuole andare ai playoff.

Jasmin Repesa ha presentato così la sfida: “E’ una partita difficile, come tutte in EuroLeague, loro hanno giocatori di talento, pericolosi in molte situazioni, Colom nel pick and roll, Kaimakoglou nel pick and pop, Parakhouski vicino a canestro, per citarne alcuni oltre naturalmente a Langford nei suoi isolamenti. La chiave sarà limitarli a rimbalzo d’attacco, dove sono terzi in tutta la competizione, per alimentare il contropiede e segnare quei canestri facili che in questo tipo di partite sono decisivi”

Prima di partire per Kazan anche Kruno Simon ha voluto analizzare lo Unics “Ovviamente il giocatore più importante di Kazan è Keith Langford, il capocannoniere dell’EuroLeague e uno dei più prolifici realizzatori da alcuni anni, ma non possiamo pensare solo a lui perché Kazan ha diversi giocatori di qualità, molto pericolosi, contro cui dovremo giocare di squadra”

 

Clicca qui per mettere “Mi piace” alla nostra pagina Facebook
Clicca qui per iscriverti al nostro gruppo
Clicca qui per seguirci su Twitter

andrea.ziglio@oasport.it

foto Valerio Origo

 

Lascia un commento

Top