Volley, SuperLega – Ottava giornata: Modena capolista solitaria, stesa Verona. Rimontone Civitanova, Perugia perde il terzo big match! Trento è lì

Orduna-Modena-Volley-Roberto-Muliere.jpg

Modena è la nuova capolista solitaria della SuperLega al termine dell’ottava giornata. I Campioni d’Italia asfaltano Verona nell’atteso big-match (un 3-0 senza storia), approfittano del passo falso di Civitanova e prendono il possesso del massimo campionato italiano di volley maschile.

I Canarini si sono letteralmente sbarazzati degli scaligeri in un match a senso unico, molto differente rispetto alle attese della vigilia. Al PalaPanini i ragazzi di Piazza hanno pescato la buona giornata di Luca Vettori (13) e la prestazione di qualità del centrale Max Holt (11 punti, 3 aces affiancato da Kevin Le Roux con Matteo Piano in panchina) per schiacciare i ragazzi di Giani che perdono il terzo posto in classifica.

Non sono serviti particolari numeri per Earvin Ngapeth (10), dall’altra parte della rete Uros Kovacevic (7) ha steccato nel momento più importante della prima parte di stagione, troppo pochi i 14 punti di Mitar Djuric per poter lottare alla pari contro questa Modena, capace di infilare l’ottavo successo consecutivo in SuperLega.

 

Incredibile rimontone di Civitanova! Sotto 0-2 nel big match contro Perugia, la Lube ci crede ancora e ribalta una contesa che sembrava ormai segnata in favore di Ivan Zaytsev e compagni. I Block Devils, invece, incappano nella terza sconfitta consecutiva in una settimana da incubo durante la quale hanno perso tutti i big match giocati contro Trento, Modena e appunto Civitanova raccogliendo un solo punto!

Patron Sirci sarà letteralmente infuriato e punterà il dito anche sull’atteso Zar che, nonostante una buona partita 21 punti (3 aces), non è riuscito a essere decisivo. Non è stato sufficiente nemmeno il buon Russell (17), al centro Simone Buti (13, 4 muri) ha giocato al posto di Emanuele Birarelli accanto a Podrascanin, altro ex della partita andato in difficoltà (4). Dall’altra parte della rete le martellate di Tsvetan Sokolov (24) e la prestazione di qualità del solito Osmany Juantorena (18 punti) hanno fatto la differenza.

I ragazzi di Blengini perdono la vetta della classifica ma raccolgono comunque l’ottava vittoria consecutiva del campionato, distanti una sola lunghezza dalla capolista Modena. Perugia è addirittura quinta, a nove punti dal primo posto: una delusione immensa considerando la campagna acquista e i proclami di inizio stagione.

 

Trento ha sofferto solo nel primo parziale contro Milano, dove ha dovuto annullare anche set-point, poi ha sbrigato agevolmente la pratica, salendo al terzo posto in classifica e mantenendosi a tre punti dalla capolista Modena, ma con ancora una partita da recuperare (quella contro Piacenza, in programma il 17 novembre).

I vicecampioni d’Europa confermano la propria imbattibilità in campionato, rivoluzionando il sestetto in corsa. Lorenzetti è partita con capitan Lanza (14 punti) e Tine Urnaut (15) di banda, non lasciando così il turno di riposo a Filippo come sembrava alla vigilia. Confermata la diagonale delle ultime uscire con Simone Giannelli e Gabriele Nelli ma questa volta il giovane opposto è andato in difficoltà (2 punti) venendo così sostituito in corsa da Jan Stokr (8 punti con 4 muri). I meneghini hanno sì ritrovato Riccardo Sbertoli in regia, ma con un deludente Dennis opposto (7) e con il solo Hoag in doppia cifra (11) era davvero difficile fare di più.

 

Clamoroso colpo esterno di Vibo Valentia che a sorpresa ha espugnato il campo della lanciatissima Padova, incapace di trovare i rimedi giusti a Barreto (19), Geiler (9, 4 aces), Barone (10) e alla regia dell’incredibile Coscione (8). I calabresi ottengono così il secondo successo stagionale mentre i veneti si fermano sul più bello e scivolano all’ottavo posto: non sono bastati i 20 punti di Maar (4 muri, 3 aces) e i 15 di Giannotti.

Quinto successo consecutivo per Piacenza che sale al sesto posto in classifica dopo la bella vittoria su Latina a cui non è bastato l’arrivo in panchina del guru Daniele Banoli. Gli emiliani hanno fatto la differenza vincendo il secondo set per 34-32, trascinati dal solito cacciabombardiere Ramos Hernandez (24 punti), grande prova a muro di tutta la squadra (4 a testa di Alletti e Tencati, 3 del regista Hierrezuelo). Per i laziali non bastano Fei (18, 4 muri), Maruotti (17) e Klinkenberg (14).

Monza batte Ravenna al tie-break (ennesima sconfitta nel set decisivo per i giovani romagnoli) e sale al settimo posto in classifica, riabbracciando il palleggiatore Jovovic e la prova sopra le righe del centrale Verhees. Per i romagnoli si è infortunato Lyneel.

L’arrivo in panchina di Gulinelli regala il secondo successo stagionale a Molfetta che sconfigge la neopromossa Sora, ora fanalino di coda solitario. Decisivi i 18 punti di Giulio Sabbi.

 

Di seguito tutti i risultati dell’ottava giornata di SuperLega e la nuova classifica generale del massimo campionato italiano di volley maschile:

Azimut Modena vs Calzedonia Verona          3-0 (25-17; 25-20; 25-21)

Cucine Lube Civitanova vs Sir Safety Conad Perugia              3-2 (22-25; 19-25; 25-23; 25-21; 15-10)

Diatec Trentino vs Revivre Milano            3-0 (29-27; 25-19; 25-19)

Exprivia Molfetta vs Biosì Indexa Sora           3-0 (25-17; 25-22; 25-18)

Kioene Padova vs Tonno Callipo Vibo Valentia          1-3 (16-25; 20-25; 25-22; 25-27)

Gi Group Monza vs Bunge Ravenna            3-2 (25-19; 17-25; 22-25; 25-21; 15-12)

LPR Piacenza vs Top Volley Latina             3-1 (25-21; 34-32; 15-25; 25-23)

 

# SQUADRA PUNTI PARTITE GIOCATE PARTITE VINTE
1. Modena 23 8 8
2. Civitanova 22 8 8
3. Trento 20 7 7
3. Verona 18 8 6
5. Perugia 14 8 5
6. Piacenza 12 7 5
7. Monza 12 8 4
8. Padova 11 8 3
9. Ravenna 8 8 2
10. Molfetta 7 8 2
11. Vibo Valentia 6 8 2
12. Milano 5 8 1
13. Latina 4 8 1
14. Sora 3 8 1

 

Foto: Roberto Muliere

Lascia un commento

Top