Volley, SuperLega – L’occasione di Bernardi: finalmente in Italia! A Perugia per l’impresa, il ritorno con Zaytsev dopo 7 anni

Lorenzo-Bernardi-2.jpg

Lorenzo Bernardi è il nuovo allenatore di Perugia e domani debutterà in SuperLega sull’ostico campo di Monza. C’è tanta curiosità su Mister Secolo, il giocatore più forte della storia della pallavolo che per la prima volta in carriera si cimenterà con il massimo campionato italiano di volley maschile rivestendo i panni del tecnico.

Ha sì vinto lo scudetto in Turchia alla guida dell’HalkBank Ankara lo scorso anno ma saprà replicarsi anche in una competizione di maggior livello? È questa la domanda che si stanno ponendo tutti gli appassionati, curiosi di valutare le qualità di tecnico del Lollo dopo essersi lustrati gli occhi con le sue magie in campo, simbolo della Generazione dei Fenomeni.

Non sarà una missione facile. Bernardi arriva in uno squadra ricca di campioni ma che sta faticando a trovare l’amalgama, che si è sciolta nei tre big match (tre sconfitte contro Trento, Modena, Civitanova), che ha sofferto contro la modesta Molfetta e che ha addosso un macigno di pressione. Pressione che piace a Bernardi, atteso dalla stagione della verità.

In Italia ha avuto solo due occasioni per sedere in panchina, ma sempre in campionati minori: la Serie A2 con Padova (esonerato a metà stagione) e la Serie B1 con Cles (conquistò la promozione). Ora finalmente anche la SuperLega potrà assaggiare il talento di Bernardi, finalmente anche un top team nel nostro Paese si è accorto della Leggenda che aveva già fatto bene tra Polonia e Turchia, ampliando la sua esperienza.

Dovrà gestire una situazione complessa e avrà dalla sua Ivan Zaytsev con cui vinse i Giochi del Mediterraneo 2009. Ai tempi lo Zar doveva ancora esplodere, non era l’icona del volley nazionale: dopo sette anni lo ritroverà da schiacciatore, da uomo simbolo, da giocatore di punta dei Block Devils. Ci saranno Emanuele Birarelli capitano della Nazionale, gli altri centrali Simone Buti e Marko Podrascanin, il palleggiatore Luciano De Cecco, gli schiacciatori Alex Berger e Aaron Russell, oltre soprattutto all’opposto Aleksandar Atanasijevic. Riuscirà a tirare fuori un Dream Team come si auspica il vulcanico patron Sirci, che non ha esitato a esonerare Boban Kovac? Questa Perugia sulla carta può e deve lottare con Modena, Civitanova e Trento per lo scudetto.

Ha rinunciato alla candidatura a CT della Polonia, in passato si era parlato di una possibile nomina alla guida della nostra Nazionale ma poi non se n’è fatto nulla e Bernardi è rimasto lontano dai nostri confini per troppo tempo.

 

Lascia un commento

Top