Speed skating, Coppa del Mondo Nagano 2016: Francesca Lollobrigida, ‘Prima Attrice’ dell’Italia sul ghiaccio

12644654_1315138241882506_670227780061659489_n.jpg

La seconda tappa di Coppa del Mondo 2016-2017 di speed skating, sul ghiaccio di Nagano (Giappone), ha eletto “Prima Attrice” della nostra nazionale Francesca Lollobrigida. Una nomination dettata, non solo dai legami di parentela che Francesca ha con la celebre Gina Lollobrigida, donna del cinema degli anni ’50/’60 e zia di secondo grado della nostra pattinatrice, ma anche per quello che la romana ha espresso in gara sulla mass start e non solo.

Nella gara in linea, l’atleta dell’Aeronautica Militare ha centrato il secondo podio consecutivo della stagione (terzo posto) interpretando nuovamente al meglio il contesto agonistico e cogliendo l’attimo giusto per lanciarsi nello sprint decisivo, quello dell’ultimo giro che conferisce più punti. Sempre più convincente, dunque, la 25enne di Frascati, terza nella classifica generale di specialità, cresciuta molto negli ultimi mesi anche per l’assiduo allenamento in Olanda, luogo nel quale il pattinaggio (velocità) è sport nazionale. I risultati, allo stato attuale delle cose, stanno premiando l’azzurra nel lavoro svolto ed il progetto medaglia a Pyeongchang (sede dei Giochi Olimpici 2018) procede per il meglio. Prestazioni lusinghiere, infatti, non limitate solo alla distanza prediletta ma riverberatesi nei 3000 metri dove Francesca, nella Divisione A, ha centrato la top10 a testimonianza dei grandi miglioramenti fatti anche nelle prove contro il tempo.

Non solo però la nostra “Prima Attrice” di scena sul palcoscenico di ghiaccio a Nagano. Il team pursuit, ancora una volta, ha espresso segnali di vitalità col trio “La Giovine Italia” Andrea Giovannini, Nicola Tumolero e Michele Malfatti. Un podio accarezzato per metà gara e poi sfiorato per appena 18 centesimi (quarto posto) ha lasciato un po’ di rammarico nel clan italiano. Tuttavia, considerando l’anagrafe del terzetto italico, motivi per sorridere ve ne sono diversi.

In merito a Giovannini ed ai suoi 5000m, lo skater di Baselga di Pinè, decimo in Giappone, sembra mostrare una crescita, seppur non ancora sufficiente per soddisfare le proprie ambizioni. Il contesto è altamente qualificato e soprattutto la squadra olandese ha alzato il livello della competizione, occupando i primi quattro posti della graduatoria, capeggiata dal fenomenale Sven Kramer.

Chiosando sull’altra freccia tricolore della mass start, sul versante maschile, Fabio Francolini, la prova del vice campione del mondo di Heerenveen 2015 è stata un po’ al di sotto delle attese (dodicesimo). La gara vinta grazie ad una fuga lanciata dal tulipano Jorrit Bergsma, vincitore all’arrivo, ha tagliato di fatto fuori Francolini ed altri importanti interpreti. Di fatto, la specialità sta sempre più coinvolgendo skater abilissimi nelle prove di resistenza contro il tempo (5000 metri) ed il livello si sta alzando sempre di più. Restano comunque intatte le possibilità per Fabio, già pronto a riscattarsi ad Astana (Kazakistan), terza tappa di World Cup dal 2 al 4 dicembre.

giandomenico.tiseo@oasport.it

Twitter: @Giandomatrix

Clicca qui per mettere “Mi piace” alla nostra pagina Facebook
Clicca qui per iscriverti al nostro gruppo
Clicca qui per seguirci su Twitter

Foto da pagina FB Francesca Lollobrigida

Lascia un commento

Top