Speed Skating, Coppa del Mondo Harbin 2016: Francesca Lollobrigida e Fabio Francolini dalla Cina con furore. Il team pursuit azzurro è una conferma

fabio-francolini-pagina-FB.jpg

Nel primo appuntamento della Coppa del Mondo di speed skating, in quel di Harbin, la Nazionale del ct Maurizio Marchetto torna dalla Cina con furore, grazie ai brillanti risultati ottenuti sul ghiaccio asiatico.

Francesca Lollobrigida e Fabio Francolini sono stati i due eroi azzurri della terza ed ultima giornata in terra cinese, grazie al secondo e terzo posto nella mass start, gara che ormai sembra aver sempre più impressi i colori azzurri. Una gestione perfetta da parte dei due skater, compagni di allenamenti in Olanda. Francesca, sempre attiva ed attenta ai movimenti delle rivali più quotate, ha saputo agire nel momento opportuno e solo per pochissimo la canadese Ivanie Blondin ha avuto la meglio (appena un decimo di secondo). Tuttavia, il riscontro ottenuto dalla Lollobrigida rafforza le convinzioni della romana, pronta a conquistare altre soddisfazioni nelle prossime tappe Lo stesso ragionamento vale per Francolini, abile anch’egli a leggere le intenzioni dei rivali sul ghiaccio, muovendosi nell’ultimo giro e centrando un podio grandioso.

Le altre note liete della tre giorni di Harbin riguardano il team pursuit costituito da Andrea Giovannini, Nicola Tumolero e Michele Malfatti. Il quinto tempo ad 1″ dal podio è una riprova dell’effettiva competitività del terzetto italiano che va interpretato anche in prospettiva, tenendo conto della giovane età di tutti e tre i componenti. Una specialità a cui tiene particolarmente Marchetto, valsa alle gloriose Olimpiadi di Torino 2006 l’oro a Cinque Cerchi.

Nelle specialità individuali, inoltre, sempre più convincenti le prestazioni di Tumolero (secondo nei 5000 metri della Divisione B) e di Davide Ghiotto (terzo alle spalle del 22enne di Roana) a testimonianza della profondità di un movimento che sulle distanze lunghe mostra segnali di vitalità.

L’unica vera perplessità dell’appuntamento in Cina riguarda Giovannini, poco brillante nei 5 km (11esimo) e non in grado di gestire lo sforzo, dopo un brillante inizio di prova. Il prossimo round di Nagano (Giappone), programmato dal 18 al 20 novembre, sarà un test importante per il 23enne di Baselga di Pine.

giandomenico.tiseo@oasport.it

Twitter: @Giandomatrix

Clicca qui per mettere “Mi piace” alla nostra pagina Facebook
Clicca qui per iscriverti al nostro gruppo
Clicca qui per seguirci su Twitter

Foto da pagina FB Fabio Francolini

Lascia un commento

Top