Short Track, Coppa del Mondo Salt Lake City 2016: Arianna Fontana stoica ma non basta, le riconferme di Tommaso Dotti e Cynthia Mascitto

Arianna-Fontana-Pagina-FB-Fontana.jpg

La seconda tappa di Coppa del Mondo 2016-2017, sul veloce ghiaccio di Salt Lake City (Usa), ha confermato i valori che già si erano messi in evidenza nell’esordio stagionale: l’importanza di Arianna Fontana per la nostra squadra, in gran parte legata alle prestazioni della campionessa valtellinese, e la crescita di due atleti come Tommaso Dotti e Cynthia Mascitto.

La Fontana, come sappiamo, non è giunta nelle migliori condizioni negli States, in dubbio fino a poche dall’inizio della competizione per quel problema alla caviglia sinistra. Ebbene, la Freccia Bionda è andata oltre le sofferenze fisiche, cimentandosi sia nei 1500m che nei 500m, facendo il massimo possibile. Sulla distanza più lunga, in semifinale, ha siglato il record del mondo in 2’15″753 (poi battuto dalla coreana Choi), lottando per il podio nell’ultimo atto fino a che l’olandese Ter Mors, poi squalificata, l’ha buttata fuori pista. Un vero peccato per Arianna che, fosse arrivata nella top3, avrebbe raggiunto un traguardo incredibile. Vi, era, pertanto, molta attesa nei 500 metri ma le scorie delle gare precedenti si sono fatte sentire sulle gambe provate della 26enne di Sondrio che così non ha ottenuto il pass per la finale A, giungendo poi terza in quella B. Non ci può essere, però, rammarico o amarezza per una skater che, ancora una volta, ha messo in mostra tutta la sua classe nonostante le avversità.

Col fenomeno azzurro a mezzo servizio, come dicevamo, le prestazioni del resto della pattuglia italiana negli Usa ne hanno risentito. La staffetta femminile (Arianna Fontana, Arianna Valcepina, Lucia Peretti, Cecilia Maffei), infatti, non ha centrato la finale assoluta, conquistando però un’onorevolissima vittoria nella finale B mentre sul versante maschile i motivi per sorridere sono ancor meno.

Sono però, degni di nota i risultati individuali di Dotti e Mascitto: il 23enne lombardo ha sfiorato la qualificazione all’ultimo atto assoluto sia nella prima che nella seconda serie dei 1500m, dimostrando di essere ormai pronto ad entrare nel gotha della specialità, mentre, alla seconda gara in World Cup coi colori della nostra Nazionale, la 24enne italo-canadese ha staccato il biglietto per la Finale B, sulla medesima distanza,  chiudendo poi al sesto posto (dodicesimo complessivo).

Questi dunque i riscontri che Kenan Gouadec, coach del nostro Team, avrà appuntato sulla sua agenda, proiettandosi già per il prossimo round, in programma dal 9 all’11 dicembre a Shanghai.

 

giandomenico.tiseo@oasport.it

Twitter: @Giandomatrix

Clicca qui per mettere “Mi piace” alla nostra pagina Facebook
Clicca qui per iscriverti al nostro gruppo
Clicca qui per seguirci su Twitter

Foto da pagina FB Arianna Fontana

Lascia un commento

Top