Short Track, Coppa del Mondo: l’inizio di stagione di Arianna Fontana, tra sfortuna e quale passaggio a vuoto

short-track-arianna-fontana-fb-arianna-fontana.jpg

Arianna Fontana è assolutamente la stella della nazionale italiana di short track e attualmente anche l’unica che può lottare per un piazzamento sul podio. Purtroppo l’inizio di stagione non è stato molto fortunato per la campionessa valtellinese, che si è infortunata a Calgary e con ogni probabilità a risentito anche del problema fisico in quel di Salt Lake City.

Eppure l’esordio in terra canadese era partito sotto i migliori auspici con Arianna brillantissima nei 500m, dove aveva centrato la finale con ampio merito. Proprio nell’ultimo atto della competizione la valtellinese è entrata in contatto con la canadese Kasandra Bradette (poi squalificata) ed è finita a terra contro i teloni di sicurezza. Una caduta che ha avuto brutte conseguenza per la sua caviglia con Fontana costretta a rinunciare alla seconda serie dei 500m e soprattutto alla staffetta. Oltre al danno arriva anche la beffa, perchè con il nuovo regolamento,  Fontana non può considerarsi terza nei 500m e dunque sul podio ci sono salite solo la cinese Fan e la canadese St-Gelais

Per una settimana intera in nazionale si è vissuto con il dubbio sulla presenza a Salt Lake City della valtellinese. Alla fine il dubbio è stato sciolto solo un giorno prima delle gare, con la caviglia di Arianna che ha smesso di dare problemi. Fontana è tornata sul ghiaccio nei soliti 500m, nei 1500m e nella staffetta. Nel complesso la prestazione non è stata positiva, perchè il miglior risultato di Arianna è stato il quinto posto nella distanza più lunga.

Un weekend di gara storto, ma che può anche starci in una stagione comunque lunga e ricca di impegni e nella quale Arianna vuole essere competitiva anche agli Europei e Mondiali.Adesso ci saranno alcune settimane di pausa, dove si può tirare il fiato e recuperare pienamente sul piano fisico. A dicembre ci saranno le prove asiatiche di Coppa del Mondo (a Shanghai e Gangneung) dove sarà veramente difficile competere con le pattinatrici di casa, che davanti al loro pubblico fanno sempre incetta di vittorie e medaglie.

 

Clicca qui per mettere “Mi piace” alla nostra pagina Facebook
Clicca qui per iscriverti al nostro gruppo
Clicca qui per seguirci su Twitter

andrea.ziglio@oasport.it

Lascia un commento

Top