Short Track, Coppa del Mondo – Calgary: Italia spuntata senza Arianna Fontana, bene Tommaso Dotti e Cynthia Mascitto

short-track-arianna-fontana-fb-arianna-fontana.jpg

La prima tappa di Coppa del Mondo 2016-2017, tenutasi a Calgary (Canada), è andata in archivio e l’Italia deve annotare aspetti negativi e positivi. 

Anzitutto l’infortunio di Arianna Fontana nella finale dei 500 metri che ha costretto l’Angelo Biondo a saltare il resto della seconda giornata di gare e dare forfait nell’ultima. Visti i tempi serrati, con il prossimo appuntamento di World Cup a Salt Lake City tra una settimana, saranno da valutare le condizioni del fenomeno azzurro.

Un’assenza che, come era prevedibile, ha influito molto sul resto della squadra ancora non in grado di assorbire una defezione così importante. Nessun atleta italiano, infatti, sia al femminile che al maschile, è riuscito ad accedere alle finali, descrivendo una situazione di dipendenza forte dalle prestazioni della campionessa di Sondrio. Un brutto colpo per il coach Kenan Gouadec che avrebbe preferito un avvio senza imprevisti per caricare anche maggiormente la squadra.

Tuttavia, ci sono anche degli aspetti positivi che vanno annotati. Sorprendente infatti l’exploit della classe ’92 Cynthia Mascitto, alla prima volta in Nazionale. La giovane italo-canadese  infatti si è qualificata ai quarti nella prima serie dei 500 come anche nei 1000, mostrando grandi qualità ed alcun timore reverenziale. Un’atleta da seguire con grande attenzione.

Molto bene, poi, tra gli uomini Tommaso Dotti che nei 1500 metri ha sciolinato un’ottima prova non ottenendo per pochissimo il pass per l’ultimo atto e giungendo poi terzo nella Finale B. Un dato confortante per Dotti, apparso decisamente in crescita e motivato a raggiungere traguardi sempre più ambiziosi.

Infine, ottima la prova della staffetta femminile, pur priva della Fontana. Il quartetto costituito da Valcepina, Mascitto, Maffei e Peretti, ha conquistato un ottimo secondo posto nella finale B, lottando fino in fondo con la squadra americana, vittoriosa allo sprint di appena 3 centesimi.

Pertanto, tra luci ed ombre, l’Italia si dirige verso gli States, con preoccupazione per le condizioni della nostra punta di diamante ma anche con giovani che vogliono iniziare a farsi largo.

giandomenico.tiseo@oasport.it

Twitter: @Giandomatrix

Clicca qui per mettere “Mi piace” alla nostra pagina Facebook
Clicca qui per iscriverti al nostro gruppo
Clicca qui per seguirci su Twitter

Foto da pagina FB Arianna Fontana

Lascia un commento

Top