Sci di fondo, Coppa del Mondo Ruka 2016: si riparte dalla Finlandia. Monologo norvegese?

12311157_10153862128179925_5384344348521558819_n1-e1449179855675.jpg

Oramai ci siamo. Domani partirà la stagione del grande sci di fondo con la sua Coppa del Mondo 2016-2017, competizione che vedrà ai nastri di partenza tutti i migliori interpreti della disciplina. Ci sarà la Nazionale italiana (sia maschile che femminile) e anche il campione in carica Martin Johnsrud Sundby: il norvegese, tuttavia, non è nelle migliori condizioni di salute tanto da aver saltato le gare preparatorie di Beitostølen. Non sarà presente invece la detentrice della Sfera di Cristallo femminile Therese Johaug che, dopo il caso doping in cui è stata coinvolta, ha deciso di prendersi una stagione di pausa, soprattutto per farsi giudicare dagli organi competenti in merito ad una vicenda che, certo, al mondo dello sci di fondo, bene non ha fatto.

Venendo alle gare del fine settimana, c’è comunque grande attesa sia tra gli uomini che tra le donne. Il week-end di Ruka (Finlandia) partirà con le due sprint, il format di competizione più spettacolare per la quasi totale assenza di tempi morti e il ritmo molto alto, una 15 km (maschile) e una 10 km (femminile), tutte in tecnica classica. Da valutare come si presenterà effettivamente al campo di gara Sundby che, ad ora, rappresenta una grande incognita ma certamente la Nazionale norvegese potrà contare anche su altri talenti. Importante per gli scandinavi sarà dunque arginare i tentativi di attacco degli altri big, lo svizzero Dario Cologna e l’italiano Federico Pellegrino su tutti (l’azzurro in particolare ha lavorato molto sull’alternato); in casa Italia, da seguire con particolare attenzione anche Francesco De Fabiani.

Tra le donne, l’assenza di Johaug non ridurrà le ambizioni dello squadrone norvegese. L’imminente stagione coinciderà infatti col ritorno in pista di Marit Bjoergen, dopo la maternità, che dovrà però fare i conti con la connazionale Heidi Weng; occhio anche alla svedese Charlotte Kalla. L’Italia si affiderà totalmente (o quasi) al gruppo guidato da Virginia De Martin Topranin, per cui un piazzamento tra le migliori 20 non sarebbe affatto male.

giuseppe.bernardi@oasport.it

Clicca qui per mettere “Mi piace” alla nostra pagina Facebook
Clicca qui per iscriverti al nostro gruppo Facebook
Clicca qui per seguirci su Twitter

Foto: Facebook FIS Cross Country

Lascia un commento

Top