Sci di fondo, Coppa del Mondo Ruka 2016: Federico Pellegrino unico italiano nel tabellone principale delle sprint. Beffata Laurent

Pellegrino-Pagina-FB-Pellegrino.jpg

Cominciata la Coppa del Mondo 2016-2017 dello sci di fondo. Questa mattina, infatti, si sono disputate le qualificazioni delle sprint femminile e maschile.

Tra le donne, il miglior tempo è stato quello della finlandese Krista Parmakoski con 3:21.15. Subito dietro le svedesi Stina Nilsson (+1,14) e Ida Ingermarsdotter (+2.40). Al quarto l’altra svedese posto Hanna Falk, seguita dalla polacca Justyna Kowalczyk, la norvgese Ingvild Oestberg, la statunitense Sadie Bjornsen, la russa Natalia Matveeva, la norvegese Maiken Caspersen Falla e la connazionale Marit Bjoergen. Tra le prime 30, c’è Heidi Weng (11esima), anche lei norvegese. Niente da fare invece per le due azzurre, nessuna atleta rappresenterà l’Italia nel tabellone principale: Greta Laurent ha chiuso 31esima con +12.09 di ritardo dalla Parmakoski (a soli 25 centesimi dalla qualificazione!), Lucia Scardoni, 45esima (+15.63).

Nella competizione maschile, invece, il norvegese Johannes Klaebo si è issato davanti a tutti col crono di 2:50.70, subito davanti al russo Alexander Panzhinskiy (+0.81) e l’estone Marko Kilp (più attardato, +2.01). Seguono in quarta e quinta piazza i due finlandesi Ari Luusua e Anssi Pentsinen, poi lo svedese Teodor Peterson, l’altro finlandese Hakola Rostomatti, il norvegese Paal Golberg, lo svedese Calle Halfvarsson e un altro norvegese, Sondre Fossli. Per quanto riguarda i colori italiani, accede al tabellone principale il solo Federico Pellegrino, quindicesimo (+4.94); col 37esimo è fuori Maicol Rastelli (+7.50), così come Francesco De Fabiani (49esimo, +10.17). Eliminati anche lo svizzero Dario Cologna e il norvegese Martin Sundby.

Appuntamento alle 12:30 per le fasi finali dei tornei di sprint.

giuseppe.bernardi@oasport.it

Clicca qui per mettere “Mi piace” alla nostra pagina Facebook
Clicca qui per iscriverti al nostro gruppo
Clicca qui per seguirci su Twitter

Foto: Facebook Federico Pellegrino

Lascia un commento

Top