Sci alpino, Coppa del Mondo 2016/2017: i precedenti dell’Italia a Val d’Isère. Alessandro Fattori e la tripletta del 2000

Sci-alpino-Alessandro-Fattori.jpg

La stazione francese di Val d’Isère è una delle sedi storiche della Coppa del Mondo di sci alpino, e nel corso degli anni ha regalato parecchie soddisfazioni ai colori azzurri. Nel lontano 1969, il primo a salirvi sul podio con una vittoria in gigante fu Gustavo Thöni, e da allora gli sciatori italiani hanno collezionato un totale di sette vittorie e trentaquattro piazzamenti fra i migliori tre.

Se il già citato Thöni e Piero Gros hanno conquistato due successi a testa, oltretutto sempre in gigante, vi sono anche tre memorabili vittorie in discesa libera che vale la pena ricordare, firmati Herbert Plank (1973), Michael Mair (1985) ed Alessandro Fattori (2000). Proprio il successo del parmigiano, che poi ne avrebbe conquistato un altro nel 2002 a Kvitfjell (Norvegia) in supergigante, resta al momento l’ultimo dell’Italia a Val d’Isère, e rappresentò un risultato storico visto che i discesisti azzurri realizzarono una tripletta con Kristian Ghedina e Roland Fischnaller che completarono il podio.

L’ultimo podio in assoluto, invece, risale al 2013, quando Patrick Thaler giunse terzo nello slalom speciale della Face de Bellevarde, vinto dall’austriaco Mario Matt. Tra gli sciatori ancora in attivitià, oltre a Thaler, sono saliti sul podio anche Werner Heel e Manfred Mölgg, entrambi nel 2009: il primo giunse terzo nel supergigante dominato dall’austriaco Michael Walchhofer, mentre il marebbano occupò il gradino più basso del podio nella supercombinata che vide il successo di Benjamin Raich.

Chiudiamo ricordando anche i tre podi consecutivi di Massimiliano Blardone in gigante (secondo nel 2008 e nel 2009, terzo nel 2010), anche se il primato assoluto per i colori azzurri spetta a Piero Gros con cinque podi (due vittorie, un secondo e due terzi posti).

giulio.chinappi@oasport.it

Clicca qui per mettere “Mi piace” alla nostra pagina Facebook
Clicca qui per iscriverti al nostro gruppo Facebook
Clicca qui per seguirci su Twitter

Lascia un commento

Top