Rugby, Italia-Sudafrica. O’Shea: “Sono davvero felice, dobbiamo creare la nostra storia”. Parisse: “Sapevamo di essere sulla strada giusta”

Conor-O-Shea_rugby_Twitter-FIR.jpg

Storica vittoria quella ottenuta nella giornata odierna dall’Italrugby contro il Sudafrica allo stadio Artemio Franchi di Firenze, con gli azzurri che hanno colto il primo successo in assoluto contro gli Springboks oltre ad aver superato una squadra dell’emisfero Sud, un fatto mai accaduto nella storia della nostra Nazionale.

Davvero molto soddisfatto il ct Conor O’Shea al termine della gara: “Sono troppo fiero della nostro squadra, è un gruppo incredibile: tutti dicono che il rugby in Italia va male ma abbiamo dimostrato il contrario”. Il nostro e’ un gruppo che combatte sempre – spiega il coach irlandese a DMax – Durante l’intervallo ho detto che avevamo già vinto, sono contento per la squadra e per i tifosi ma è solo l’inizio. Abbiamo ancora molto da fare, ora dobbiamo creare la nostra storia”.

Sulla stessa linea di pensiero anche il capitano degli azzurri Sergio Parisse: “Dopo una vittoria si ha più credibilità, ma lo avevamo detto: lo sentivamo, siamo sulla strada giusta. E’ un momento storico, ce la godremo, questo gruppo se lo merita – dice a DMax il numero 8 azzurro – Speriamo sia un punto di partenza e che questa squadra dimostri in futuro di essere performante in ogni partita”. L’italo-argentino credeva nell’impresa: “Ci credevo tantissimo, ma nel nostro sport bisogna crederci tutti. Nello spogliatoio c’era tranquillità, abbiamo visto che in campo erano sotto pressione ed il risultato alla fine è meritato. Abbiamo vinto contro una grandissima squadra, la quarta al mondo. Dobbiamo essere fieri ed orgogliosi, questa vittoria è per i nostri tifosi. E’ l’inizio di una nuova Italia, c’è tanta voglia di lavorare: ora pero’ piedi per terra e umiltà – conclude Parissesperiamo di confermarci sabato a Padova contro Tonga”.

simone.brugnoli@oasport.it

Clicca qui per mettere “Mi piace” alla nostra pagina Facebook
Clicca qui per iscriverti al nostro gruppo
Clicca qui per seguirci su Twitter

Foto: Profilo Twitter FIR

Lascia un commento

Top