Pallanuoto femminile, A1: le migliori italiane della 3^ giornata. Elisa Queirolo devastante, Silvia Bosurgi immortale. Giulia Gorlero blinda la porta di Milano

Elisa-Queirolo-archivio-privato-Elisa-Queirolo.jpg

Nella terza giornata del Campionato di A1 di pallanuoto femminile, la sorprendente SIS Roma ha battuto 8-6 il Rapallo Pallanuoto e così, dopo tre giornate, guida solitaria la classifica. Non capita spesso di trovare una neopromossa al comando… Waterpolo Messina e L’Ekipe Orizzonte hanno infatti pareggiato 10-10 nel derby della “Cappuccini”, al termine di una partita piena di emozioni e di capovolgimenti di fronte; “pareggite” inattesa (7-7) che ha afflitto anche l’altra vecchia capoclassifica a punteggio pieno, il Bogliasco Bene, bloccato in casa dall’arcigna neopromossa Milano. E’ tornato rumorosamente al successo il Plebiscito Padova bi-campione d’Italia, che ha travolto 19-1 la malcapitata Rari Nantes Bologna, e sono arrivati i primi tre punti per la Cosenza Pallanuoto, corsara a Pescara (12-16). Ma vediamo chi sono state le protagoniste della 3^ giornata che si sono maggiormente distinte in vasca!

Elisa Queirolo (Plebiscito Padova). Semplicemente devastante. Cinque gol alle povere bolognesi, migliore marcatrice italiana dell’A1 con undici reti, due in meno rispetto alla capocannoniera canadese Monika Eggens.

Laura Barzon (Plebiscito Padova). Se Elisa Queirolo guida la veemente riscossa delle patavine, Laura Barzon accompagna più che degnamente la messa… Quattro gol sabato, otto totali dopo tre giornate. Il miglior modo per provare ad entrare in pianta stabile nel Setterosa di coach Conti.

Domitilla Picozzi (SIS Roma). Le giallorosse stanno incantando ed una delle leader in acqua è indubbiamente lei, la diciottenne della Balduina (sì sì, avete letto bene, 18 anni!). Due volte sul tabellino anche nel match contro il Rapallo e sono già sette realizzazioni stagionali; non è un caso se Fabio Conti le ha “messo gli occhi addosso” da tempo, questa ragazzina qui è forte davvero…

Francesca Giovannangeli (SIS Roma). E’ suo il punto esclamativo dell’8-6 delle capitoline ai danni del Rapallo, a 3’12” dal fischio della sirena.

Silvia Bosurgi (Waterpolo Messina). Timbra due volte il cartellino (da grande ex) nel sentitissimo derby della Trinacria, operazione che le riesce naturale da ormai un ventennio… 37 anni e non sentrli: immortale.

Izabella Chiappini (Waterpolo Messina). Non è ancora “azzurra” al 100%, ma l’italo-brasiliana è già un fattore rilevante nel nostro Campionato; due reti sabato, undici complessivi. Il Setterosa sogna…

Valeria Palmieri (L’Ekipe Orizzonte Catania). E’ catanese D.O.C., il derby la carica a molla: 3 gol, tra cui quello decisivo a 1’07” dall’ultima sirena. Centroboa azzurro di sicuro affidamento.

Eugenia Dufour (Bogliasco Bene). Salva le sue da una clamorosa sconfitta con il pesantissimo rigore del 7-7.

Giulia Gorlero (NC Milano). Blinda la porta di Milano, è tra le più brillanti protagoniste dell’intera partita. In forma Olimpica, valore aggiunto…

Giusy Citino (Cosenza Pallanuoto). Primi tre punti per le calabresi, ben quattro gol per la centroboa dalle prospettive molto interessanti…

Chiara Ranalli (Pescara N&P). Le abruzzesi restano in fondo alla cassifica con zero punti, ma lei continua a segnare con una continuità disarmante. Addirittura sei gol a referto sabato (la metà esatta di quelli realizzati dalla sua squadra), dieci stagionali.

Clicca qui per mettere “Mi piace” alla nostra pagina Facebook
Clicca qui per iscriverti al nostro gruppo
Clicca qui per seguirci su Twitter

giuseppe.urbano@oasport.it

Foto: archivio privato Elisa Queirolo

Lascia un commento

Top