Nuoto sincronizzato, Coppa Fina: il duo misto Flamini-Minisini guida un’Italia tutta d’argento

Minisini-Flamini-Nuoto-sincronizzato-Profilo-FB-Minisini.jpg

Potremmo definirla un’Italia d’argento quella  scesa in vasca nell’undicesima Coppa Fina di nuoto sincronizzato a Yangzhou (Cina).

Nella prima giornata l’esercizio a squadre, che ha visto in acqua Beatrice Amadei, Claudia Modaelli, Enrica Piccoli, Francesca Zunino, Isotta Sportelli, Lucrezia Ruggiero, Marta Murru e Valentina Gallo, è stato valutato con un ottimo 92.400 punti, valso il secondo posto  nel libero, alle spalle della Cina con 94.7333 punti e davanti alla Russia, bronzo (91.2667 punti). L’altra seconda piazza per i nostro colori viene dal duo (Manila Flamini, Beatrice Callegari) che nella sua esibizione ha colpito la giuria ottenendo la bellezza di 92.6000 punti dietro alle padrone di casa Guo Li e Liang Xinping (92.6667 punti) ma precedendo le russe Ali Diana e Tabolina Anastasia (91.4000 punti).

Nel day 2 è entrato in scena il doppio misto Minisini/Flamini concludendo la propria prova con 91.200 punti, battuto solo dai russi Maltsev/Kalancha (92.600). L’altro argento è arrivato dal combo grazie all’ottimo esercizio di Beatrice Amadei, Claudia Modaelli, Enrica Piccoli, Francesca Zunino, Isotta Sportelli, Lucrezia Ruggiero, Marta Murru, Valentina Gallo, Manila Flanini e Beatrice Callegari, secondo nel libero con 91.0673 punti, dietro alle cinesi con 92.4662 punti e davanti alle russe (89.6000 punti). Secondo punteggio confermato nella classifica generale con le asiatiche in vetta a quota 372.333 punti,  le azzurre a 367.266 e la Russia con 364.866.

Un bilancio senza dubbio positivo per la squadra del commissario tecnico Patrizia Giallombardo dal momento che la Nazionale si è presentata a questo appuntamento in una versione estremamente rinnovata e con tante atlete giovani.

giandomenico.tiseo@oasport.it

Twitter: @Giandomatrix

Clicca qui per mettere “Mi piace” alla nostra pagina Facebook
Clicca qui per iscriverti al nostro gruppo
Clicca qui per seguirci su Twitter

Foto da pagina FB Giorgio Minisini

Lascia un commento

Top