Nuoto: Federica Pellegrini può sognare il titolo mondiale a Windsor

Federica-Pellegrini-foto-deepblumedia-comprata-e-pagata-libera-per-uso.jpg

C’era molta attesa per il ritorno in acqua di Federica Pellegrini, dopo l’amaro quarto posto di Rio de Janeiro nei 200 stile libero. Rabbia e delusione hanno dato motivazioni ulteriori alla “Divina” per rituffarsi in acqua e continuare a fare quello che ama: nuotare e competere ai massimi livelli.

Ebbene, nel test di Massarosa (LU), in vista degli imminenti Mondiali di vasca corta a Windsor (Canada), programmati dal 6 all’11 dicembre, Federica ha dato un saggio di tutta la sua classe. Tre vittorie (200 stile libero, 200 dorso e 100 stile libero) con riscontri da top 10 nel ranking mondiale. La nuotata ancora non è fluida, appesantita dai carichi di lavoro della preparazione impostata a Livigno, ma l’energia mentale è quella di sempre. Grinta, voglia di vincere, si sono viste tutte nelle esibizioni in vasca della Pellegrini, accolta da un mare di spettatori a bordo vasca, a caccia di una foto o di un autografo.

Vuol, dunque, continuare a stupire la “Divina” andando oltre i commenti dei detrattori e fissandosi nuovi obiettivi prestigiosi. Il primo in ordine di tempo è il campionato del mondo canadese, rassegna che, a differenza di qualche anno fa, l’azzurra ha annunciato di interpretare al massimo delle sue possibilità. E’ la prima chance vera, in ambito internazionale, per affogare tutti quei pensieri negativi, riguardanti quella sfortunata finale olimpica, e riprendere il filo del discorso interrotto.

Non sarà un’impresa facile sfatare il tabù che non la vede mai vincente nel contesto iridato della piscina da 25 metri. Tuttavia, le assenze delle rivali olimpiche Katie Ledecky, Sara Sjoestroem ed Emma McKeon potrebbero prefigurare scenari importanti per le ambizioni della campionessa di Spinea, tenendo però sempre in debito conto la lady di ferro Katinka Hosszu, motivata a far incetta di titoli nel contesto che ama di più, quello della vasca corta.

Si preannuncia un inverno importante per il progetto “Tokyo 2020” di Federica che a Windsor, probabilmente, gareggerà sia nei 200 che nei 100 stile libero, allo scopo di verificare il lavoro fatto fino a questo momento e mettere un mattoncino importante per le proprie prospettive future.

 

giandomenico.tiseo@oasport.it

Twitter: @Giandomatrix

Clicca qui per mettere “Mi piace” alla nostra pagina Facebook
Clicca qui per iscriverti al nostro gruppo
Clicca qui per seguirci su Twitter

Foto da Deepbluemedia

Lascia un commento

Top