Italia-Germania 0-0, le pagelle degli azzurri. Svetta De Rossi, Eder e Immobile fuori ruolo. Bene la difesa

Italia-calcio-De-Rossi-Profilo-TW-Nazionale-Italiana-calcio.jpg

Termina 0-0 l’amichevole tra Italia e Germania a San Siro. Andiamo a scoprire le pagelle degli azzurri.

Buffon, 6: in avvio si fa trovare pronto sulla conclusione di Goretzka. Non compie grandi interventi, ma dà sicurezza ad una difesa giovane con alcune uscite provvidenziali. Dal 46′ Donnarumma, sv: praticamente mai impegnato. A 17 anni si prende la soddisfazione di affrontare i campioni del mondo nel ‘suo’ stadio.

Rugani, 6.5: non commette sbavature, tuttavia è il meno convinto della retroguardia azzurra nella prima frazione. Cresce a dismisura nella ripresa. Un calciatore di talento, ha bisogno di giocare con continuità alla Juventus per acquisire maggiore consapevolezza nei propri mezzi.

Bonucci, 6,5: a 29 anni è il veterano della difesa. Un buon segnale per un reparto che necessita di volti nuovi per dare il cambio ai veterani Barzagli e Chiellini. Cerca di gestire con saggezza i compagni di reparto, si limita a giocate semplici in fase di impostazione e, in generale, garantisce tranquillità. Sempre al posto giusto nel momento giusto.

Romagnoli, 6,5: ormai una certezza dell’Italia. Alcuni anticipi sono straordinari, anche se a volte eccede. Sempre più sicuro. Dal 46′, Astori, 6: sembra aver acquisito una nuova maturità. Il buon momento alla Fiorentina è confermato da una prestazione solida, decisa e complessivamente positiva.

Zappacosta, 6,5: molto bene in copertura. Nel finale di prima frazione si immola in scivolata su un tiro a botta sicura di Muller. Si fa vedere anche in fase di spinta, anche se meno di quanto potrebbe. Un giocatore che possiede i mezzi per stare nel grande calcio.

De Rossi, 7: fondamentale in mezzo al campo, cerca di giocare sempre di prima e si produce in alcuni lanci lunghi interessanti per le punte. Sempre presente in interdizione. Metronomo di esperienza, cruciale in questa fase di transizione del corso azzurro.

Parolo, 5: soffre il dinamismo dei tedeschi, si trova quasi sempre ad inseguire gli avversari. Corre a vuoto, in fase di impostazione non dà nessun contributo.

Darmian, 5: si conferma il periodo di crisi per l’ex terzino del Torino, riserva nel Manchester United di Mourinho. Cerca di strafare nelle rare occasioni in cui si propone in avanti, perdendo l’attimo o servendo dei cross completamente fuori misura. Anche in fase di contenimento patisce le sovrapposizioni avversarie. Un giocatore da recuperare psicologicamente.

Eder, 5,5: si sfianca sulla fascia destra. E’ generoso nei ripiegamenti, ma non riesce mai a rendersi pericoloso in zona gol. Dal 68′ Bernardeschi, 5: al 72′ calcia debolmente di piatto tutto solo nell’area della Germania. Una ghiotta occasione dove serviva maggior cinismo. Poi sparisce.

Belotti, 6.5: patisce oltremodo la fisicità di Mustafi e nel primo tempo viene spesso anticipato. Nella ripresa è più sgusciante, un paio di sue accelerazioni mettono in apprensione la Germania. All’82’ compie una grande giocata ed il suo destro ad incrociare si stampa sul palo. Ormai si tratta di una pedina inamovibile nello schacchiere di Ventura. Dall’88’ Zaza, sv.

Immobile, 5: gioca fuori ruolo, non è un’ala sinistra. Deve sacrificarsi nei ripiegamenti, perdendo inevitabilmente lucidità sottoporta. Sbaglia una buona chance a tu per tu con Leno, spesso perde l’attimo con un passaggio di troppo. Serata grigia dopo un grande avvio di stagione. Dall’88’ Sansone, sv.

All. Ventura, 6: il 3-4-3 non convince per gli interpreti, molti dei quali (Eder e Immobile) fuori ruolo. I reparti sono apparsi scollati, in particolare centrocampo ed attacco. Per questo la manovra azzurra si è quasi sempre rifugiata in prevedibili lanci lunghi. La squadra, salvo che in occasione del match con il Liechtenstein, ancora una volta ha dato il meglio di sé nella ripresa. Il carattere non manca, una volta che saranno risolti alcuni equivoci tattici si potrà davvero costruire una Nazionale in grado di dare grossi grattacapi a chiunque.

federico.militello@oasport.it

Clicca qui per mettere “Mi piace” alla nostra pagina Facebook
Clicca qui per iscriverti al nostro gruppo Facebook
Clicca qui per seguirci su Twitter

Foto: Twitter Nazionale italiana

Lascia un commento

Top