Golf, European Tour 2017. Si parte con l’Australian PGA Championship e l’Alfred Dunhill Championship. Due azzurri in Oceania, avvio in tono minore per il circuito

12301611_1062378237127917_6554641840360363923_n.jpg

Nino Bertasio


L’European Tour 2016 si è concluso appena dieci giorni fa con il trionfo dello svedese Henrik Stenson, vincitore dell’Ordine di Merito davanti a Danny Willett e Alex Noren, ma la nuova stagione è già alle porte. Nel weekend, infatti, avrà inizio l’European Tour 2017 con due tornei in contemporanea che anticipano il prossimo anno solare: l’Australian PGA Championship e l’Alfred Dunhill Championship.

Il primo avrà luogo dall’1 al 4 dicembre al RACV Royal Pines Resort, sulla Gold Coast, nel Queensland e vedrà la partecipazione di una folta pattuglia australiana, guidata da Adam Scott e Marc Leishman, che hanno difeso i propri colori nel corso dell’ultima World Cup of Golf di Melbourne, conclusa mestamente al nono posto. La pattuglia dei “canguri” includerà anche il detentore del trofeo Nathan Holman, oltre a Scott Hend, Marcus Fraser e Rod Pampling, tutti papabili pretendenti al successo finale. L’inglese Ian Poulter e il neozelandese Danny Lee proveranno ad insidiare il predominio australiano, ma la truppa degli outsider comprende anche il sudafricano Jaco Van Zyl e i thailandesi Prom Meesawat e Danthai Boonma, quest’ultimo capace di conquistare la medaglia di bronzo alle Olimpiadi giovanili 2014.

Il montepremi del torneo è di 1 milione e 500mila dollari australiani, pari a circa 1.054.000 euro. Punteranno a ben figurare i due azzurri in gara, Nino Bertasio e Edoardo Molinari, reduci entrambi da un finale di stagione tutt’altro che entusiasmante. Se Bertasio può comunque gioire per un esordio tutto sommato soddisfacente nel circuito dell’European Tour, Edo Molinari ha bisogno di ritrovare le sensazioni dei giorni migliori per poter riscattare un’annata davvero deludente e ripresentarsi ai blocchi di partenza del nuovo anno con rinnovate ambizioni.

L’Alfred Dunhill Championship si svolgerà nelle stesse date al Leopard Creek CC di Malelane, in Sudafrica, e prevede un montepremi di 1 milione e 200mila euro. Nessun italiano sarà presente in gara e il favorito numero uno sarà indubbiamente il beniamino di casa Charl Schwartzel, che proverà ad aggiudicarsi per la quinta volta il torneo dopo aver prevalso già nel 2004, 2012, 2013 e 2015. Schwartzel può vantare nel suo palmarès anche un Major, il Masters 2011, in occasione del quale riuscì a mettersi alle spalle gli australiani Adam Scott e Jason Day. Proveranno a negargli la cinquina i connazionali Branden Grace e George Coetzee, mentre sono pochissime le chances di vittoria per gli atleti del vecchio continente.

Si tratterà comunque di un inizio in tono minore per l’European Tour 2017, in virtù soprattutto dello svolgimento in parallelo dell’Hero World Challenge, torneo in programma sul percorso dell’Albany Resort a New Providence nelle Bahamas, al quale prenderanno parte 18 fuoriclasse assoluti, che onoreranno il ritorno sul green di Tiger Woods dopo 16 mesi di inattività. Saranno infatti presenti 16 tra i primi 28 golfisti del ranking mondiale, tre vincitori dei Major del 2016, i tre medagliati olimpionici e 12 protagonisti dell’ultima Ryder Cup.

mauro.deriso@oasport.it

Clicca qui per mettere “Mi piace” alla nostra pagina Facebook
Clicca qui per iscriverti al nostro gruppo Facebook
Clicca qui per seguirci su Twitter

Foto: Federgolf

Lascia un commento

Top