Boxe, Mondiali Youth 2016: l’Italia chiude senza medaglie, eliminati Cangelosi e Mouhiidine

Boxe-Mondiali-Youth-2016-FPI-Marcello-Giulietti.jpg

La settima giornata dei Campionati Mondiali Youth di boxe maschile 2016, attualmente in corso di svolgimento a San Pietroburgo, in Russia, sarà stata anche l’ultima di combattimenti per i colori azzurri. Il programma prevedeva lo svolgimento degli incontri validi per i quarti di finale, turno risultato fatale ad entrambi gli Azzurrini ancora in lizza nel torneo iridato.

Il peso supermassimo Aziz Abbes Mouhiidine, che aveva impressionato nelle uscite precedenti, non è riuscito questa volta a contrastare il promettente statunitense Richard Torrez, campione nazionale a stelle e strisce sia tra gli Junior che tra gli Youth, venendo sconfitto ai punti con il risultato di 5-0. Più equilibrato il verdetto del match di Cristian Cangelosi, impegnato nella categoria 64 kg, dove ad imporsi è stato il bielorusso Pavel Mikhailiuk, dichiarato vincitore per split decision (3-2).

Al termine degli incontri dei due azzurri, l’head coach Giulio Coletta ha rilasciato le proprie impressioni al sito federale:Abbes è partito bene, mostrando determinazione e voglia di fare il match soprattutto nella prima ripresa. Nella seconda e terza, purtoppo, è stato un po’ rinunciatario, lasciando l’iniziativa a Torrez che alla fine è stato premiato dai giudici. Sono, comunque, soddisfato sia della sua prestazione in questo match che di ciò che ha fatto lungo tutto il torneo. Arrivare, con la sua poca esperienza, ai quarti è già di per sè un successo. Non ho parole per quanto è successo a Cangelosi, che avrebbe strameritato di passare il turno. C’è rabbia perchè ci è stata tolta una medaglia, che era nostra. Bravi comunque i ragazzi”.

La competizione riprenderà nella giornata di venerdì per lo svolgimento delle semifinali.

giulio.chinappi@oasport.it

Clicca qui per mettere “Mi piace” alla nostra pagina Facebook
Clicca qui per iscriverti al nostro gruppo Facebook
Clicca qui per seguirci su Twitter

Immagine: FPI – Marcello Giulietti

Lascia un commento

Top