Beach Volley. Paulao lascia: l’addio di Carambula al coach. Varnier nuovo ct: manca solo l’ufficialità

paulao.jpg

Paulao lascia lo staff della Nazionale azzurra di beach volley dopo quattro anni. A ufficializzarlo è uno dei suoi pupilli, Adrian Carambula, da due stagioni (da quando cioè, ha scelto di prendere la nazionalità italiana) allenato dal tecnico di origine brasiliana (ma ormai di stanza a Roma dove ha sposato la ex azzurra Roberta Marini) con uno struggente post di addio su facebook.

Paulão…. è difficile accettare di dirsi addio. Tanta gente potrebbe pensare che eri solo il mio coach, ed è così ma tra noi c’era qualcosa di più grande. Il tuo amore, i tuoi abbracci, i tuoi schiaffi in faccia e le nostre risate insieme sembravano più quelli di un rapporto tra un padre e un figlio. E’ per ciò che questo viaggio è stato unico e indimenticabile. Quindi grazie per essere stato umile, onesto, per mettere la famiglia sempre prima di tutto, per aver condiviso questa avventura con tanta passione e per avermi mostrato quello che serve per vincere. E’ quello che ti rende un campione. Ti voglio bene. Adri”.

Nonostante l’ultima stagione con due staff distinti, uno con a capo Paulao a Roma con Ranghieri/Carambula e uno con a capo Varnier a Ostia con Lupo/Nicolai, era difficile pensare che il coach brasiliano potesse restare in azzurro dopo la decisione, ancora non ufficializzata ma ormai nell’aria da tempo, dell’assegnazione del ruolo di commissario tecnico della nazionale maschile a Matteo Varnier. Per l’allenatore di origini brasiliano è pronto un contratto quadriennale in Israele alla guida della nazionale locale.

Ranghieri e Carambula, dunque, si dovranno trovare un nuovo allenatore ma è tutto lo scenario ancora da disegnare perché a questo punto non è detto che restino a Roma, nel centro federale dell’Eur. Nei prossimi giorni si saprà sicuramente qualcosa in più. Così come si saprà qualcosa del settore femminile, dove il contratto di Lissandro è in scadenza a fine anno e neanche tre mesi dopo è in programma il primo torneo del World Tour con la squadra azzurra tutta da costruire in attesa delle decisioni sulla questione Orsi Toth-doping e delle scelte sul futuro di giocatrici come Perry, Zuccarelli e Giombini che in teoria sarebbero ancora nel giro della nazionale azzurra.

Lascia un commento

Top