Volley, SuperLega – Sesta giornata: Verona batte Sora e rimane con le big. Partita da record tra Piacenza e Milano

Verona-volley.jpg

Dopo l’anticipo di ieri vinto da Modena e le tre partite giocate alle 18.00, le tre partite serali hanno completato la sesta giornata della SuperLega, il massimo campionato italiano di volley maschile.

 

Verona sfrutta l’occasione offerta dai risultati del pomeriggio (vittoria di Trento nel big match con Perugia e sofferto successo di Civitanova al tie-break con Padova), batte Sora per 3-1 e rimane a due lunghezze dalle capoliste della SuperLega.

I ragazzi di Andrea Giani hanno passeggiato con i laziali per due set ma poi hanno sofferto nel prosieguo della partita, perdendo il terzo parziale e rischiando nella quarta frazione quando Sora ha avuto l’occasione per trascinare il match al tie-break.

Decisiva la prestazione di uno scatenato Uros Kovacevic (22 punti, 4 aces), in campo nonostante un acciacco e bravo a trascinare gli scaligeri insieme al solito Mitar Djuric (20) e alle stampatone di Anzani e Mengozzi (5 e 4 muri a testa). All’ottima Sora non sono bastate le 23 marcature di Miskevich.

 

Ravenna coglie la seconda vittoria stagionale (la prima da tre punti) espugnando il campo di Molfetta con una solida prestazione di squadra che ha permesso ai romagnoli di salire all’ottavo posto. Dopo aver perso solo al tie-break contro le corazzate Modena e Perugia, i giallorossi confermano il proprio tasso tecnico mentre i pugliesi rimangono nei bassifondi perdendo uno scontro importante in ottica playoff.

Trascinatore l’opposto Torres (22 punti, 3 aces, 2 muri) che sfrutta la regia di Luca Spirito, bravo a smistare anche su Lyneel (13, 3 muri) e Van Garderen (12). Dall’altra parte il solito Giulio Sabbi (22) non è bastato.

 

Il sesto turno del massimo campionato italiano di volley maschile è stato completato dalla partita infinita tra Piacenza e Milano. Il match più lungo della storia di SuperLega (153 minuti), un primo set infinito (40-38 per meneghini, terzo parziale di tutti i tempi per il massimo campionato), 267 punti complessivi segnati (terzo record di sempre per la Serie A1, il primo per la SuperLega).

La spuntano gli emiliani che infilano la terza vittoria grazie a un incredibile Ramos Hernandez che segna addirittura 39 punti (3 muri, 3 aces) in quella che è diventata la seconda performance personale di tutti i tempi per la Serie A1 (comandano ancora i 42 punti di Sabbi nel 2013). Da segnalare anche le 22 marcature di Clevenot che permettono a Piacenza di infliggere a Milano l’ennesima sconfitta, attenuta dall’assenza di Sbertoli, Starovic e Skrimov. Angel Dennis torna il cubano dei giorni migliori e a 39 anni si regala una notte da 31 punti.

 

Di seguito tutti i risultati dettagliati della sesta giornata di SuperLega e la nuova classifica generale del massimo campionato italiano di volley maschile:

Azimut Modena vs Tonno Callipo Vibo Valentia         3-0 (25-22; 25-21; 25-18)

Cucine Lube Civitanova vs Kioene Padova           3-2 (22-25; 25-20; 15-25; 25-14; 15-8)

Diatec Trentino vs Sir Safety Conad Perugia          3-1 (18-25; 25-21; 25-19; 25-21)

Gi Group Monza vs Top Volley Latina            3-0 (25-20; 25-21; 25-22)

Calzedonia Verona vs Biosì Indexa Sora          3-1 (25-19; 25-16; 23-25; 28-26)

Exprivia Molfetta vs Bunge Ravenna           1-3 (21-25; 20-25; 25-22; 18-25)

LPR Piacenza vs Revivre Milano           3-2 (40-38; 26-28; 29-31; 25-22; 15-13)

 

# SQUADRA PUNTI PARTITE GIOCATE PARTITE VINTE
1. Modena 17 6 6
2. Civitanova 17 6 6
3. Verona 15 6 5
4. Trento 14 5 5
5. Perugia 13 6 5
6. Monza 10 6 3
7. Padova 8 6 2
8. Ravenna 7 6 2
9. Piacenza 6 5 3
10. Milano 5 6 1
11. Molfetta 4 6 1
12. Vibo Valentia 3 6 1
13. Sora 3 6 1
14. Latina 1 6 0

(foto Roberto Muliere)

Lascia un commento

Top