Volley, Club Italia: inizio faticoso per le promesse Gardini, Tofoli, Margutti in A2. Le ragazze piacciono in A1 con bomber Egonu

Paola-Egonu.jpg

Il Club Italia non ha iniziato al meglio la propria avventura nella Serie A2 di volley maschile. Dopo tre giornate gli azzurrini si trovano in fondo alla classifica del girone bianco, con 0 punti all’attivo e un solo set conquistato.

Va precisato che il calendario non è stato generoso con i ragazzi di Michele Totire, incappati all’esordio contro la corazzata Siena di coach Tofoli e con Padura Diaz opposto, la più seria pretendente per la promozione in SuperLega. È arrivata una netta sconfitta per 3-0 a cui poi sono seguiti il 3-1 “casalingo” (si è giocato a Montefiascone di Viterbo e non a Roma) e il 3-0 sul campo di Alessano, altra seria candidata per le posizioni di vertice.

I giovani hanno ampi margini di miglioramento e il confronto con i veterani e la competitività della Serie A2 farà certamente bene a chi in futuro dovrà rappresentare la nostra Nazionale. Probabilmente ci si aspettava qualcosa in più ma bisogna avere pazienza perché inesperienza ed errori sono tipici dell’età. Il talento sembra non mancare, anche perché i geni non possono mentire. In campo ci sono i figli della Generazione dei Fenomeni: Davide Gardini e Pietro Margutti di banda, Alessandro Tofoli in cabina di regia. Sembra interessante anche l’opposto Alberto Baldazzi, il libero Alessandro Piccinelli ha già giocato nelle giovanili dell’Italia.

Il Club Italia maschile che milita in Serie B1 è invece stato sconfitto sul campo dell’Ottaviano Pallavolo per 3-0 nella seconda giornata di campionato con i vari Garofalo, Berardi, Panciocco, Motzo in campo.

 

Al femminile, invece, le cose sono iniziate meglio perché le azzurrine hanno trascinato Casalmaggiore al tie-break, strappando un punto alle Campionesse d’Europa che dopo una settimana avrebbero disputato la Finale del Mondiale per Club. Un risultato interessante per le ragazze di coach Lucchi, CT ad interim della Nazionale maggiore trascinata durante le qualificazioni agli Europei 2017, che hanno poi tenuto testa all’ambiziosa Modena nella seconda giornata di Serie A1.

Paola Egonu continua a fare i numeri in diagonale con Alessia Orro in quella che potrebbe rappresentare la coppia del futuro per l’Italia (lo è stata già alle Olimpiadi di Rio 2016 dove ci siamo qualificati anche per merito loro). L’importante è che si cresca costantemente, per il momento l’opposto continua a martellare come ci ha abituato. La “rivelazione” del momento è la centrale Alexandra Botezat, non dispiace la schiacciatrice Giulia Melli.

Il Club Italia quest’anno potrà lottare per accedere ai playoff ma l’obiettivo è non farlo retrocedere in Serie A2 (cioè servirà evitare gli ultimi due posti). Per molte ragazze ci potrebbe essere futuro altrove (questa squadra è nata con questo intento) come già successo ad Anastasia Guerra (in campo a Manila per il Mondiale!) e ad Anna Danesi (centrale a Conegliano).

 

 

Lascia un commento

Top