Rugby, Pro12 – Quinta giornata: al Monigo, gli Scarlets battono una discreta Benetton

Benetton-Treviso-Rugby-Profilo-twitter-Benetton-1-e1474279605594.jpg

Dopo il tonfo delle Zebre, questo pomeriggio pesantemente sconfitte dal Munster, scende in campo la Benetton Treviso per il quinto round di Pro12. Al Comunale di Monigo, i biancoverdi non vanno oltre il 6-22 incappando nella quarta sconfitta stagionale.

Primo possesso palla per la Benetton che inizia bene l’incontro riuscendo a tenere testa all’avversario. Primi 20’ di gioco molto spezzati dai fischi arbitrali e match poco spettacolare ma equilibrato. Clamoroso ciò che accade al 25’: gli Scarlets trovano un pertugio nella difesa trevigiana ma incredibilmente non riescono a concretizzare, la palla sfugge dalle mani e non viene schiacciata in meta. Pericolo scampato per la Benetton che incassa il gioco avversario ma non subisce punti. Al 30’ il risultato è ancora fermo sullo 0-0 ma il pubblico continua a applaudire ed incitare i propri giocatori. Cinque minuti dopo, con un grande calcio tra i pali fatto di potenza e precisione (posizione centrata ma lontana), Tommaso Allan sigla i primi punti del match: 3-0 per la Benetton. I gallesi si innervosiscono, non riescono più a proporre le loro idee e i biancoverdi ne approfittano: poco dopo la mezz’ora di gioco, la Benetton va vicinissima alla meta ma i padroni di casa non riescono a schiacciare l’ovale nell’apposita area. Partita che sale di intensità e, nonostante il risultato, diventa più spettacolare ed emozionante. Con la Benetton avanti di tre punti, l’arbitro, l’irlandese Gary Conway, pone fine al primo tempo.

Al 2’ arriva il pareggio (3-3) degli Scarlets con un calcio tra i pali molto simile a quello precedente di Canna. La Benetton si scuote e si riporta di nuovo avanti con l’ennesimo calcio, ancora dalla stessa posizione, ancora di Carlo Canna: è 6-3 per i padroni di casa. Errore in difesa di Treviso che subisce una meta che, per quanto visto in campo, proprio non ci voleva: cinque punti segnati da Werner Kruger e facile trasformazione di Rhys Patchell. A 20’ dall’inizio del secondo tempo, il tabellone recita 6-10 per gli Scarlets. Passano 120 secondi e, in conseguenza a un calcio concesso dall’arbitro alla Benetton, Canna colpisce clamorosamente il palo mantenendo, di fatto, il risultato invariato. I biancoverdi entrano così in una fase di stallo, di confusione anche se il pubblico continua a supportare la loro squadra. Ma non c’è niente da fare perché al 30’ arriva un’altra marcatura ospite: meta che porta la firma di D.H.T. Van Der Merwe ed errore in trasformazione (palo, il secondo del match). Gli Scarlets vanno sul 6-15. Al 40′ scaduto arriva il sigillo definitivo dei gallesi con facili meta (Steff Evans) e trasformazione (Patchell).

A fine partita, il gallese Aaron Shingler è nominato man of the match.

Clicca qui per mettere “Mi piace” alla nostra pagina Facebook

Clicca qui per iscriverti al nostro gruppo

Clicca qui per seguirci su Twitter

Foto: Twitter Benetton Treviso

Lascia un commento

Top