MotoGP, GP Giappone 2016 – Marc Marquez: “L’importante è vincere il titolo”; Valentino Rossi: “Voglio battere Lorenzo”

Marc-Marquez-2-FOTOCATTAGNI.jpg

Una conferenza stampa molto fredda e tesa quella avvenuta, come da tradizione, il giovedì in preparazione al weekend giapponese sul tracciato di Motegi, quindicesimo appuntamento del Motomondiale. Presenti in sala Jorge Lorenzo, Valentino Rossi, Marc Marquez, Maverick Viñales, Andrea Dovizioso e Bradley Smith al rientro dall’infortuno al ginocchio che lo ha tenuto fuori nelle ultime tre gare. Queste le dichiarazioni del pilota Honda leader della classifica:

“E’ la prima volta che ho l’opportunità di vincere il campionato. Non c’è motivo di pensarci e quindi cercherò di mantenere la stessa mentalità. E’ importante avere un meteo stabile e sappiamo che Motegi non sarà come Aragon. Parliamo di un circuito che non è così male per il mio stile ma con la nostra moto forse saremo in difficoltà. Vediamo questo weekend come riusciremo a gestire la gara ed a conquistare punti. Abbiamo un buon vantaggio, rimangono ancora 4 gare e l’importante è vincere il titolo, non importa dove“.

Scherza, invece, Valentino Rossi sui suoi problemi nel dormire a causa del jet lag dopo il lungo spostamento dall’Europa al Giappone. Il pesarese sembra avere buone sensazioni per il weekend:

E’ una buona pista per noi della Yamaha e per me che qui ho ottenuto tanti podi ma comunque ogni anno è differente. Sarà importante capire la resa delle gomme ed anche il tempo. L’anno scorso è stato bello nei primi giorni e poi ha piovuto in gara. Spero, invece, che quest’anno il tempo sia asciutto per tutto il weekend e che si alzino le temperature ora un po’ basse. Da adesso in poi ci saranno tre gare di fila (Giappone, Australia e Malesia) ed è difficile perché se hai un problema nella prima gara rischi di trascinartelo anche in quelle successive ed è una fonte di stress. Dall’altro lato sei molto in moto e puoi migliorarti. In ogni caso sono tre piste che mi piacciono tanto”. Intervistato su Sky Valentino ha chiarito le sue motivazioni per i round restanti: “Sarà importante posticipare la vittoria di Marquez ma è importante anche il derby Yamaha perché battere Lorenzo è una bella soddisfazione”.

Il compagno di squadra, Jorge Lorenzo, al contrario del marchigiano, non sembra per nulla spaventato dal tour de force che li attende nelle prossime tappe del Mondiale:

“Arriviamo su piste adatte al mio stile di guida ed alla Yamaha. Vedremo come funzioneranno le gomme e l’elettronica. Tre gare consecutive sono dure ma mi piace perché sotto il profilo fisico non si dovrebbero avere tanti problemi. Non so perché si adatti alla nostra moto nonostante sia la pista di proprietà della Honda. Negli ultimi anni però abbiamo migliorato molto in termini di accelerazione però quest’anno con le Michelin dovremo capire come massimizzare la nostra prestazione”. Relativamente al futuro in Ducati ed il veto imposto dalla Yamaha sul provare la Rossa a Jerez Lorenzo ha commentato: Ovviamente mi sarebbe piaciuto girare a Jerez ed a quanto pare potrò provare la Ducati a Valencia. Vedremo cosa accadrà e credo per quello che abbiamo vissuto in questi anni almeno mi meriterei quest’opportunità”.

Clicca qui per mettere “Mi piace” alla nostra pagina Facebook
Clicca qui per iscriverti al nostro gruppo
Clicca qui per seguirci su Twitter

FOTOCATTAGNI

Lascia un commento

Top