Karate, Mondiali 2016: Luigi Busà e Viviana Bottaro, è bronzo! Quinti Cardin, Semeraro, Maresca e le ragazze del kumite

Karate-Luigi-Busà.jpg

Due gioie e quattro delusioni per i colori azzurri nelle finali del Campionato del Mondo di Linz. Luigi Busà ha conquistato la medaglia di bronzo nella categoria 75 kg, battendo per 3-2 lo statunitense Thomas Scott al termine di un match incerto fino all’ultimo istante. L’esperienza del plurimedagliato karateka azzurro è stata determinante per la conquista del terzo gradino del podio, obiettivo minimo per lui alla vigilia di un torneo in cui si presentava come il favorito numero uno per l’oro. Per il 29enne Busà, in ogni caso, si tratta dell’ennesima conferma ad alti livelli, dopo aver letteralmente dominato la categoria nell’ultimo decennio con due ori e due argenti già in cascina tra il 2006 e il 2012.

Grande prova anche per Viviana Bottaro nel kata individuale. La giovane atleta azzurra ha sconfitto l’indonesiana Agustiani Ora Sisilia per 3-2, conquistando una meritata medaglia di bronzo al termine di un torneo praticamente perfetto, in cui ha pagato dazio soltanto contro la fortissima egiziana Sarah Sayed.

Niente da fare, invece, per Sara Cardin e Silvia Semeraro. La prima ha incassato una netta sconfitta dalla giapponese Sara Yamada (1-3), che si è aggiudicata così il bronzo nella categoria 55 kg, mentre la seconda ha ceduto il passo per hantei alla montenegrina Marina Rakovic in una sfida molto tattica, conclusa sul punteggio di 0-0. Quinto posto anche per Luca Maresca nel bronze medal match della categoria 60 kg. Anche nel suo caso è stato fatale l’hantei contro il francese Sofiane Agoudjil dopo una sfida senza esclusione di colpi, finita 4-4. Delude, infine, anche la squadra femminile di kumite (Clio Ferracuti, Viola Lallo, Sivlia Semeraro e Greta Vitelli), sconfitta per 1-0 dall’Egitto. Domani toccherà alle due squadre di kata tenere alto l’onore dell’Italia nelle ultime due finali per il bronzo, il cui esito potrebbe cambiare in maniera sostanziale il giudizio sulla spedizione azzurra a Linz.

Clicca qui per mettere “Mi piace” alla nostra pagina Facebook
Clicca qui per iscriverti al nostro gruppo Facebook
Clicca qui per seguirci su Twitter

 

Lascia un commento

Top