Golf, PGA Tour. WGC-HSBC Champions: Francesco Molinari stabile in quarta piazza dopo tre giri. Matsuyama fa la voce grossa, battuta d’arresto per Mcllroy

Francesco-Molinari-Pier-Colombo-2.jpg

Va in archivio il terzo giro del WGC-HSBC Champions, prestigioso appuntamento del PGA Tour in corso di svolgimento allo Sheshan International Golf Club di Shanghai. Francesco Molinari conserva la quarta posizione acquisita ieri grazie ad una prova solida anche nella giornata odierna, chiusa a -4 in 68 colpi (-12 complessivo) e caratterizzata da un andamento molto regolare nel complesso. L’azzurro è infatti partito benissimo infilando tre birdies consecutivi nelle prime tre buche, mentre nella restante parte del percorso è riuscito a recuperare un sanguinoso bogey alla dieci con altri due birdies rispettivamente alla dodici e alla diciotto.

In testa alla classifica permane il giapponese Hideki Matsuyama, confermatosi dunque su ottimi livelli anche se apparso meno sfavillante rispetto ai due incredibili giri precedenti. Il nipponico ha completato le 18 buche in 68 colpi senza tuttavia incappare in alcun bogey, e mantenendo comunque tre lunghezze di vantaggio rispetto allo scozzese Russell Knox autore anche lui di un buon -4, e quattro colpi di margine sullo statunitense Daniel Berger, che tuttavia dovrà guardarsi le spalle da un Molinari che domani tenterà il tutto per tutto  per issarsi almeno sul podio. Completano la Top 10 l’americano Bill Haas (-12), il connazionale Rickie Fowler (-10), l’inglese Ross Fisher (-10) e un terzetto appaiato a -9 composto da Shane Lowry, Henrik Stenson e Thomas Pieters, con il belga in grande ascesa dopo le difficoltà iniziali e capace di infilare un -7 propiziato da quattro birdies nelle prime nove buche.

Tredicesimo il grande favorito della vigilia Rory Mcllroy, brillante protagonista per il team europeo durante la recente Ryder Cup, che dopo un secondo giro da urlo ha vissuto una giornata più modesta conclusa in 70 colpi e ora chiamato ad una rimonta complicata se vuole scalare le posizioni alla ricerca di una posizione di maggior prestigio. Non brillano particolarmente nemmeno i due spagnoli Sergio Garcia e Rafa Cabrera Bello fermi rispettivamente a -7 e -3, mentre continua la crisi nera di Lee Westwood, incappato oggi in cinque bogeys tra cui addirittura un doppio bogey, e Dustin Johnson, tra i favoriti della vigilia insieme a Mcllroy e invece costretto a navigare nei bassifondi della classifica complice un +2 sopra il par che non rende giustizia al suo palmarès.

Clicca qui per mettere “Mi piace” alla nostra pagina Facebook
Clicca qui per iscriverti al nostro gruppo Facebook
Clicca qui per seguirci su Twitter

Foto: Pier Colombo

Lascia un commento

Top