Golf, PGA Tour. WGC-HSBC Champions: brilla ancora Francesco Molinari, quarto dopo due giri. Matsuyama in vetta, in ascesa McIlroy

Francesco-Molinari-3-Pier-Colombo.jpg

Continua a far faville Francesco Molinari nel WGC-HSBC Champions, torneo inserito nel circuito PGA Tour, in corso di svolgimento allo Sheshan International Golf Club di Shanghai. Al termine del secondo giro, il fuoriclasse torinese è salito in quarta posizione a pari merito con l’inglese Richard Bland e lo statunitense Daniel Berger, tutti con 136 colpi, a quota 8 sotto il par.

Molinari è partito male piazzando un bogey alla buca 1, ma ha rimediato subito con un birdie alla 2. Stesso copione alle buche 4 e 5, poi due birdie di fila alla 8 e alla 9 sono stati vanificati da altri due bogey alla 10 e alla 13. Il campione azzurro si è ritrovato in linea col par prima delle ultime tre buche, ma tra la 16 e la 18 è riuscito a mettere a segno tre birdie che gli hanno consentito di scalare impetuosamente la classifica, ponendolo alle spalle soltanto della coppia formata dall’americano Bill Haas e dallo scozzese Russell Knox, entrambi a quota -10, e del nuovo leader, il giapponese Hideki Matsuyama, autore della migliore prestazione di giornata (-7) e capace di completare le prime 36 buche con 131 colpi (5 in meno rispetto a Molinari, 13 sotto il par).

La grande novità del secondo round è rappresentata dall’impetuosa ascesa di Rory McIlroy, ieri molto deludente. Il fenomeno nordirlandese con 7 birdie e un bogey si è riportato nel gruppo dei migliori ed ora insidia i primi dalla settima posizione (-7), che occupa a pari merito con gli inglesi Ross Fisher e Paul Casey e con il cinese Xinjun Zhang.

In evidente calo, invece, il migliore del primo giro, lo svedese Rikard Karlberg, incappato in una giornata storta (+3) che ha compromesso le sue ambizioni, facendolo sprofondare in tredicesima posizione con 5 colpi sotto il par, identico punteggio di Lee Westwood, Emiliano Grillo, Chris Wood e Matt Kuchar. Piccoli progressi per il belga Thomas Pieters (-3), ora 26°, mentre prosegue la crisi di Dustin Johnson (+4), Danny Willett (+8) e Patrick Reed (+9), reduci dalle fatiche di un’annata stressante e arrivati forse troppo fiacchi al torneo cinese.

Clicca qui per mettere “Mi piace” alla nostra pagina Facebook
Clicca qui per iscriverti al nostro gruppo Facebook
Clicca qui per seguirci su Twitter

Foto: Pier Colombo

Lascia un commento

Top