Ciclismo su pista, Europei 2016: Filippo Ganna d’argento nell’inseguimento individuale

ganna.jpg

Quarta e penultima giornata dei Campionati d’Europa di ciclismo su pista. Tanti titoli assegnati in quel di Saint Quentin en Yvelines, in Francia. Andiamo a riepilogare tutte le medaglie e i risultati degli azzurri.

Cominciamo dalle note liete, ovvero dall‘argento conquistato da Filippo Ganna (4’19″084) nell’inseguimento individuale. Il giovane ciclista nostrano, nonostante non sia in grandissime condizioni, è riuscito a conquistare una medaglia prestigiosa giungendo alle spalle del francese Corentin Ermenault (4’18″778) nella finale per l’oro. Una partenza fin troppo lenta per Ganna che nei primi 1000 metri ha accumulato un ritardo di quasi 3″. La grandiosa rimonta nell’ultima parte di gara non è stata sufficiente per portarlo sul podio più alto. Tuttavia, come detto, resta l’ottimo risultato conseguito. Bronzo invece per l’orange Dion Beukeboom (4’20″568) che ha tagliato il traguardo prima del polacco Daniel Staniszewski (4’21″095)

La finale dell’omninum (corsa multipla) femminile, attesa in chiave italiana per la presenza di Elisa Balsamo, reduce dalla medaglia d’oro vinta fa col quartetto dell’inseguimento a squadre, ha visto la nostra portacolori concludere in quarta posizione. L’italiana ha pagato un avvio non esaltante nello scratch (settima) per poi piazzarsi costantemente al quarto posto nelle restanti gare, concludendo a quota 122 punti a 9 lunghezze dal gradino più basso del podio. Il successo è andato, dunque, alla britannica Katie Archibald (141 punti) davanti alla tulipana Kirsten Wild (135 punti) ed alla belga Lotte Kopecki (131 punti).

Nella finale della corsa a punti maschile successo Niklas Larsen che con 83 punti all’attivo ha dominato la scena di questa specialità infliggendo più di 30 lunghezze al secondo classificato, il belga Kenny De Ketele (53 punti), e 47 al terzo in graduatoria, vale a dire il bielorusso Raman Ramanau. Ottava piazza per Michele Scartazzini, protagonista di una prova più che discreta e non troppo distante dal podio di Ramanau (27 punti).

Nell’ultimo atto dello sprint maschile, vittoria del russo Pavel Yakushevskiy (68.604 km/h velocità) che nella sfida per l’oro continentale ha preceduto l’olandese Roy Van der Berg (65.633 km/h velocità). Il bronzo finisce sempre nelle mani di un atleta dell’Est, cioè l’ucraino Andriy Vynokurov che ha battuto il tedesco Eric Engler. Fuori fin dalle eliminatorie, invece, i nostri Davide e Luca Ceci che hanno terminato  in 24esima e 26esima posizione.

 

Clicca qui per mettere “Mi piace” alla nostra pagina Facebook
Clicca qui per iscriverti al nostro gruppo
Clicca qui per seguirci su Twitter

giandomenico.tiseo@oasport.it

Twitter: @Giandomatrix

Foto da pagina FB Filippo Ganna

Lascia un commento

Top