Ciclismo su pista, Europei 2016: cinque titoli in palio nella terza giornata. Esordio ufficiale per il “nuovo” omnium

consonnilamon.jpg

Terza giornata di gare al velodromo francese di Saint Quentin-en-Yvelines per i Campionati europei su pista. Ieri l’Italia ha conquistato un memorabile successo con il quartetto femminile dell’inseguimento a squadre, la medaglia d’argento con quello maschile e un buon quarto posto per la giovane Rachele Barbieri nella finale dello scratch. Oggi saranno assegnati i titoli continentali di ben cinque specialità: omnium, eliminazione e corsa a punti maschili e inseguimento individuale e keirin femminili.

Farà il suo esordio ufficiale il “nuovo” omnium voluto dall’UCI (Unione Ciclistica Internazionale), costituito da quattro prove (anziché sei) che si disputeranno nella stessa giornata. Si partirà con lo scratch e la corsa a tempo per proseguire con l’eliminazione e il gran finale con la classica corsa a punti. Difenderà i colori del Bel Paese il solo Simone Consonni, lombardo di Ponte San Pietro, classe 1994. Nell’eliminazione invece ci saranno il veneto Francesco Lamon e il lombardo Davide Plebani, rispettivamente nati nel 1994 e nel 1996. Lamon prenderà parte anche alla corsa a punti così come l’altro azzurro Michele Scartezzini (i due hanno corso insieme nel quartetto dell’inseguimento, medagliato d’argento).

Capitolo femminile: in pista nell’inseguimento (o pursuit) individuale una sola azzurra. Si tratta di Francesca Pattaro, veneta originaria di Este (PD), già settima agli scorsi Europei U23 di Montichiari nell’individuale e seconda (argento) nella prova a squadre. Le giovanissime Gloria Manzoni e Miriam Vece, ieri impegnate nella velocità a squadre, saranno le portacolori italiane nel keirin.

Clicca qui per mettere “Mi piace” alla nostra pagina Facebook
Clicca qui per iscriverti al nostro gruppo Facebook
Clicca qui per seguirci su Twitter

Foto: Federciclismo

Lascia un commento

Top